Home TENNIS Notizie Nazionali

Bed And Breakfast

cover.jpg
 
logo_err.jpg
Notizie Nazionali
Tennis: L'Italia batte l'Argentina detentrice dell'Insalatiera" 3-2 PDF Stampa E-mail
Scritto da Da Fit.it   
Lunedì 06 Febbraio 2017 18:31

Tennis: Grande risultato sofferto dell'Ital-Tennis

Un grande Fabio Fognini, prima ci fa dannare poi risorge e vince al 5° 6-2 !!

L'ITALIA VINCE BATTENDO L'ARGENTINA 3-2 ; FOGNINI SOFFRE MA VINCE AL 5°

Adesso nei Quarti di Finale il match contro il Belgio .

Pella G. (Arg) 2 6 6 3 4 2 2
Fognini F. (Ita) 3 2 4 6 6 6

Tennis: Grande risultato sofferto dell'Ital-Tennis

Un grande Fabio Fognini, prima ci fa dannare poi risorge e vince al 5° 6-2 !!

L'ITALIA VINCE BATTENDO L'ARGENTINA 3-2 ; FOGNINI SOFFRE MA VINCE AL 5°

Adesso nei Quarti di Finale il match contro il Belgio

Buenos Aires-  E ANDIAMOOOOOOOOOO !!! Abbiamo battuto i detentori dell'Insalatiera 2016.

DA FIT.IT

Il bacio di Fabio Fognini alla terra di Buenos Aires: l’Italia guadagna i quarti di finale di Coppa Davis contro il Belgio. E’ finito infatti 3-2 per gli azzurri il confronto con l'Argentina campione in carica valido per il primo turno del World Group 2017, sulla terra rossa del Parque Sarmiento di Buenos Aires (trasmesso in diretta e in esclusiva da SuperTennis). Nel quinto e decisivo singolare, al termine di un match vietato ai deboli di cuore, Fabio Fognini ha rimontato due set di svantaggio piegando in cinque set Guido Pella: 26 46 63 64 62 il punteggio per il 29enne di Arma di Taggia, dopo 4 ore 17 minuti.

Si chiude in festa, con la squadra azzurra e lo staff ad abbracciarsi cantando al centro del campo, a dimostrare l’unione di un gruppo in cui ognuno ha portato il suo contributo (Paolo Lorenzi e Andreas Seppi nei singolari della prima giornata)
Era la quarta volta che le due nazionali si affrontavano e ora il bilancio dei testa a testa è in parità sul 2-2: curiosamente in tutte le sfide non ha mai vinto la squadra ospitante.

FOGNINI RINCORRE, POI ESCE ALLA DISTANZA – Dopo il meteo poco estivo di domenica, con vento e pioggia, torna il sole a Buenos Aires e in tribuna si rivede nei panni di tifoso anche Diego Armando Maradona. Uno pari il bilancio dei precedenti tra Fabio (vincitore nel 2010 proprio a Buenos Aires, a livello challenger) e Guido, a segno nel 2013, sulla terra di San Paolo
La cronaca. L’argentino parte con il piede giusto, strappando subito la battuta a Fognini e allungando sul 2-0. L’azzurro è imballato, non riesce a colpire bene con il diritto e concede un altro break, trovandosi rapidamente sotto 3-0 (9 errori non procurati). Il sudamericano artiglia anche il 4-0, annullando tre palle del possibile contro-break, poi dopo 21 minuti il ligure conquista il suo primo game (a zero). Il piano tattico di Pella è quello di far giocare sempre un colpo in più all’italiano, che con un ace cancella il primo set point, ottenendo il 2-5 con una smorzata e un’accelerazione di diritto. Ma la chiusura della frazione è solo rimandata al game seguente, quando l’azzurro mette larghi un paio di colpi e Pella ringrazia incamerando il 62 (25 errori non forzati la pesante zavorra per l’italiano).
In apertura di secondo set Fognini trova due ace e un paio di buone giocate, iniziando in vantaggio. Fabio si procura una chance per togliere il servizio all’avversario, che però se la cava con tre buone battute impattando sull’1-1. Il break per il giocatore in tricolore arriva però al quarto gioco (3-1 Italia), alla sesta occasione utile, al termine di uno scambio sempre comandato dal ligure. Immediato, tuttavia, è il contro break albiceleste, propiziato da un rocambolesco recupero di rovescio in allungo che scavalca il tentativo di avanzata in controtempo dell’italiano. Due doppi falli e altrettanti errori del ligure regalano il break a Pella, che senza fare nulla di straordinario si ritrova a condurre 4-3. Fognini non concretizza due palle per il contro break e il 26enne di Bahia Blanca, da brava ‘formichina’ (tattica sicuramente studiata insieme al capitano Daniel Orsanic), sale 5-3 e poi al decimo gioco con un ace esterno da sinistra intasca il secondo parziale (64). Un’altra palla break sfuma per il 29enne di Arma di Taggia nel secondo game del terzo, poi è lui doverne fronteggiare con lucidità e determinazione un paio (la prima dopo un sanguinoso doppio fallo sul 30-30) per issarsi 2-1 e un’altra per tenere il servizio che gli vale il 3-2. Il sudamericano tiene invece i propri turni fino a quando nell’ottavo game l’azzurro riesce a convertire la sesta opportunità di break (16esima complessiva) che lo porta a servire per il set, ottenuto con un ace (63) dopo due ore e 21 minuti. In avvio di quarta frazione Fognini fronteggia due pericolose palle break (la prima con un ricamo che merita anche gli applausi dell’avversario) per ottenere l’1-1 e sullo slancio toglie la battuta al mancino sudamericano. Nel muro Pella si comincia a vedere qualche crepa ed è lì che si insinua l’italiano, ritrovando un po’ del suo tennis. Sotto 3-1, Pella sventa con coraggio un’occasione per il 4-1 e accorcia 3-2, però l’azzurro tiene un problematico turno (3 palle break annullate, dopo aver messo fuori uno smash di rimbalzo a campo aperto). Un vantaggio prezioso che conserva riuscendo così a pareggiare il conto dei set (64) e a portare la contesa, ancora una volta, al quinto. Quinto che si apre con tre chance di break non concretizzate dall’azzurro (la seconda grazie a un fantastico tweener) e l’argentino guadagna un soffertissimo 1-0. Sul 2-1 Pella l’azzurro comincia con doppio fallo (l’ottavo della sua partita), reso indolore però da un’accelerazione di rovescio, un paio di servizi efficaci e una smorzate vincente. E nel game seguente un dritto largo del sudamericano consegna il break del 3-2 a Fognini. Il quale, cancellando anche un’opportunità dell’immediato contro-break (con polemica a distanza con il pubblico, che continua a disturbarlo), sale 4-2. Dopo oltre quattro ore di lotta, dispendiose anche sul piano nervoso oltre che fisico, il padrone di casa accusa la fatica, cedendo di nuovo il servizio (2-5). Fognini non trema e alza le braccia al cielo quando Pella manda fuori la risposta del primo match point.

LE SQUADRE - Per la sfida il capitano azzurro Corrado Barazzutti ha convocato Paolo Lorenzi (n. 43 Atp), Fabio Fognini (n. 48 Atp), Andreas Seppi (n. 68 Atp) e Simone Bolelli (n. 661 Atp), ritornato in azzurro dopo il lungo stop per l'infortunio - con conseguente operazione - al ginocchio sinistro. Il "collega" Daniel Orsanic ha convocato Diego Schwartzman (n. 53 Atp), Carlo Berlocq (n. 81 Atp), Guido Pella (n. 84 Atp) e Leonardo Mayer (n. 147 Atp) dovendo rinunciare a Juan Martin Del Potro e Federico Delbonis (gli eroi della prima, storica "Insalatiera d'argento") e poi in extremis anche ad Horacio Zeballos, sofferente per un problema al ginocchio rimediato nella maratona contro Ivo Karlovic a Melbourne.

ARGENTINA-ITALIA 2-3

RISULTATI

venerdì
Paolo Lorenzi (ITA) b. Guido Pella (ARG) 63 63 63
Andreas Seppi (ITA) b. Carlos Berlocq (ARG) 61 62 16 76(6)

sabato
Leo Mayer/Carlos Berlocq (ARG) c. Simone Bolelli/Fabio Fognini (ITA) 63 63 46 26 76(7)

domenica
Carlos Berlocq (ARG) b. Paolo Lorenzi (ITA) 46 64 61 36 63

lunedì
Fabio Fognini (ITA) b. Guido Pella (ARG) 26 46 63 64 62


PRECEDENTI ARGENTINA-ITALIA 2-1

2016, Pesaro (Tc Baratoff, terra) World Group, quarti
Argentina b. Italia 3-1
Federico Delbonis (ARG) b. Andreas Seppi (ITA) 76(4) 36 63 76(3)
Fabio Fognini (ITA) b. Juan Monaco (ARG) 61 61 75
Juan Martin Del Potro/Guido Pella (ARG) b. Fabio Fognini/Paolo Lorenzi (ITA) 61 76(4) 36 36 64
Federico Delbonis (ARG) b. Fabio Fognini (ITA) 64 75 36 75

2014, Mar del Plata (Patinodromo, terra) World Group, primo turno
Italia b. Argentina 3-1
Carlos Berlocq (ARG) b. Andreas Seppi (ITA) 46 60 62 61
Fabio Fognini (ITA) B. Juan Monaco (ARG) 75 62 62
Simone Bolelli/Fabio Fognini (ITA) b. Horacio Zeballos/Eduardo Schwank (ARG) 67(6) 76(8) 76(3) 64
Fabio Fognini (ITA) b. Carlos Berlocq (ARG) 76 (5) 46 61 64

1983, Roma (Foro Italico, terra), World Group, Quarti di finale
Argentina b. Italia 5-0
Guillermo Vilas (ARG) b. Adriano Panatta (ITA) 62 62 61
Jose Luis Clerc (ARG) b. Corrado Barazzutti (ITA) 12-10 62 7-9 36 64
Jose Luis Clerc/Guillermo Vilas (ARG) b. Paolo Bertolucci/Adriano Panatta (ITA) 75 63 64
Guillermo Vilas (ARG) b. Corrado Barazzutti (ITA) 63 61
Roberto Arguello (ARG) b. Francesco Cancellotti (ITA) 75 64










Ultimo aggiornamento Martedì 07 Febbraio 2017 10:55
 
Tennis: Parte una nuova stagione di gran tennis a Prato PDF Stampa E-mail
Scritto da Ufficio stampa Ct Prato   
Giovedì 13 Ottobre 2016 13:48
Tennis: parte una nuova stagione di gran tennis a Prato
Il Tc Prato con due squadre (maschile e femminile) in serie A1 vuole essere ancora protagonista

_fra0787

Prato- Riparte la serie A1 e il Tc Prato, dopo aver conquistato lo scudetto in campo femminile e la semifinale al maschile nel 2015, vuole essere ancora protagonista di questa competizione. Lo scorso anno la squadra capitanata da Carla Mel è riuscita nell'impresa di superare in finale, a Montecatini, il Tc Genova e di conquistare, a distanza di due anni, il titolo italiano. Da sottolineare anche il percorso maschile, dove la squadra capitanata da Gianluca Rossi e Antonio Cotugno, ha vinto il proprio girone e nella semifinale è stata superata solamente al ritorno, dopo un ottimo pareggio all'andata davanti a un pubblico entusiasta per la presenza anche di Simone Bolelli tra gli avversari. La manifestazione inizierà domenica 16 ottobre alle 10 e sarà la squadra femminile a esordire in casa contro il Tc Castellazzo Parma mentre i maschi saranno fuori casa e precisamente contro il Tc Selva Alta di Vigevano. "Prato è sempre protagonista nel tennis e noi vogliamo confermarci - spiega il presidente del Tc Prato, Alessandro Colzi - spero che agli incontri casalinghi ci sia tanto pubblico" "Il team femminile è stato confermato e accanto alle giocatrici di punta come Maria Elena Camerin, Corinna Dentoni e Martina Trevisan - spiega il ds Franco Mazzoni - ci saranno le giovanissime Lisa Piccinetti e Giulia Peoni oltre a Lucrezia Stefanini che è stata protagonista degli slam junior e Gaia Sanesi finalista ai campionati italiani di Seconda Categoria. A livello maschile la novità sarà Lorenzo Sonego un ragazzo che sta facendo molto bene e che ha superato le qualificazioni agli Internazionali di Roma e che è una delle promesse del tennis italiano. Insieme a lui i due stranieri Melzer e Mertl oltre alla conferma del gruppo storico composto da Matteo Trevisan, Claudio Grassi, Marco Crugnola e il pratese doc Jacopo Stefanini". "Il tennis a Prato è un'eccellenza e lo ha dimostrato lo scorso anno con lo scudetto femminile - spiega Luca Vannucci, delegato allo sport del Comune di Prato - sono sicuro che abche quest'anno sarà una stagione importante". "Lo sport a Prato è vivo e il tennis è senz'altro una delle discipline principe - dice Massimo Taiti, delegato Coni Prato - avere due formazioni nella massima serie che aspirano a risultati importanti è una spinta a fare sempre meglio". Per la formazione maschile capitanata da Gianluca Rossi e Antonio Cotugno un girone che vede la presenza del Circolo Canottiere Aniene Roma che due anni fa vinse lo scudetto e lo scorso anno ha perso in finale. Le altre due squadre nel raggruppamento sono il Tennis Club Triestino e lo Sporting Selva Alta. La prima accede alle semifinali, la seconda rimane in A1 mentre le altre due disputeranno i playout. "Il girone femminile  è simile a quello dello scorso anno con la presenza del Tc Genova che sarà la squadra da battere - spiega il capitano Carla Mel - e due formazioni, sulla carta di livello minore, come Castellazzo Parma e Tennis Beinasco. L'obiettivo nostro è quello di riconquistare lo scudetto con una Martina Trevisan in più rispetto allo scorso anno". Il via domenica 16 ottobre con l'augurio che ci siano tanti appassionati, ingresso libero, a tifare per le squadre del Tc Prato.


Incontri al Tc Prato:
16 ottobre femminile Tc Prato - Tc Castellazzo. - Parma
23 ottobre maschile Tc Prato - Circolo Canottiere Aniene Roma
30 ottobre maschile Tc Prato - Tc Triestino
6 novembre  maschile Tc Prato - Sporting Club Selva Alta
13 novembre femminile Tc Prato - Tennis Beinasco
20 novembre femminile Tc Prato - Tc Genova
 
Tennis: il nostro "Port-folio" delle finali degli Internazionali d'Italia PDF Stampa E-mail
Scritto da Da Roma Tiziano Pucci   
Martedì 17 Maggio 2016 08:25

Tennis Internazionali d'Italia

VINCE A SORPRESA ANDY MURRAY SU NOLE DJOKOVIC

Tra le donne vince ancora Serena Williams

Al Foro Italico c'eravamo anche Noi col "nostro fido" Tiziano Pucci: ecco il "Port-folio" ricordo della giornata delle 2 finali maschili e femminili

Tennis roma 1 tennis roma 2 tennis roma 3 tennis roma 10 tennis roma 4 tennis roma 5 tennis roma 6 tennis roma 11 tennis roma 7 tennis roma 8 tennis roma 9 tennis roma 12 tennis roma 13 tennis roma 14 tennis roma 15 tennis roma 17

16 fermi immagine dal "campo cetrale" by Tiziano Pucci

 
Tennis: Rafa Nadal di nuovo "Principe" a Montecarlo PDF Stampa E-mail
Scritto da di Tiziano Pucci   
Domenica 17 Aprile 2016 18:20

Tennis: a Montecarlo torna a risplendere   la stella di Rafa Nadal: Monfils resiste solo 2 set, poi crolla di schianto

Dopo 2 anni un successo in un Super masters ATP: Nadal-Monfils 7-5 / 5-7 / 6-0

Nel doppio vincono Herbert Mahut / Murray-Soares 4-6 / 6-0 / 10-6

 

Di Tiziano Pucci

nadalNadal 1Nadal 2

Montecarlo 12Montecarlo 13montecarlo 6

I due protagonisti dela finale Rafa Nadal e Gael Monfils

Montecarlo- A Montecarlo ri-splende dunque sempre la stella di Rafa Nadal: Monfils resiste solo 2 set, poi crolla di schianto . Dopo 2 ore e tre quarti fatte di botte e controbotte, bordate da fondo campo, che per 2 set portano all’entusiasmo un “quasi esaurito (fatto eccezionale) che non sarebbe successo se invece del “seppur” francese Monfils arrivato in finale ci fossero stati o Djokovic o Federer, ” a Montecarlo Rafael Nadal conquista il nono titolo  del Principato superando alla distanza Gael Monfils dopo una serie infinita di break e contro-break nei primi 2 set. Per lo spagnolo è il primo titolo Masters 1000 da quasi 2 anni, il 28° della carriera conquistato “dominando il 3° set durato “un men che non si dica” finito tanto a poco per 6-0
Un Nadal risorto al 48° titolo di tornei giocati sulla terra rossa, pronto a ridare il meglio di se stesso sulla sua superficie prediletta: la polvere rossa artigliando il 28° titolo di un Super Masters raggiungendo in cima a questa prestigiosa classifica proprio Dijokovic.

Ultimo aggiornamento Domenica 17 Aprile 2016 18:23
 
Tennis: Montecarlo attende di incoronare il Principe" del 2016 PDF Stampa E-mail
Scritto da Stefano Ballerini   
Domenica 17 Aprile 2016 09:38

Tennis Atp"Rolex" sui campi del Principato

OGGI LA FINALE: MONFILS-NADAL

tsongaMontecarlo 11

Nel pomeriggio la finale del doppio : Herbert-Mauhut- Murray-Soares

Ultimo aggiornamento Domenica 17 Aprile 2016 09:44
 
«InizioPrec.12345Succ.Fine»

Pagina 1 di 5
Copyright © 2018 FirenzeViolaSuperSport. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
 

Facebook

Segui FirenzeViolaSupersport
su Facebook.

Editoriale

di Stefano Ballerini

L'Isola d'Elba nel dramma :

Ci ha lasciato Fabio Bardelloni

CI HA LASCIATO FABIO BARDELLONI  ELBA 97 CALCIO A 5.

CIAO FABIO CI MANCHERAI..!!! TI PENSEREMO E RICORDEREMO SEMPRE GIOCANDO E VIVENDO GIORNI TREMENDI SENZA DI TE NEL TUO RICORDO PERENNE.

di Stefano Ballerini

Portoferraio- Martedi 1° Maggio ora di pranzo...

doveva essere un giorno di festa dove alfine

del pomeriggio ci si sarebbe dovuti ritrovare

a San Giovanni per dare inizio alla "settimana

decisiva" in casa Elba 97. Sabato era in

programma ( era...)  gara 1 del Play Out tra

Elba 97, la tua Elba 97 e Bergamo.

Invece caro Fabio tutta l'Elba sgomenta

apprendecome una freccia al cuore che

Te ci hai appena lasciati...!!

Quella svolta a destra da Valle di Lazzaro

verso Procchiodopo essere andato a trovare

la tua fidanzatina. Piove,una pioggerellina

uggiosa la prima da 20 giorni a questa

parte; in sella alla sua moto "Motard 125

intraprendevi  una strada bagnata viscida

"quasi saponata", un asfalto usurato, 13

chilometri da percorrere con attenzione

massima...E invece una sbandata, un attimo

di disattenzione ( le prime ipotesi al vaglio

dei Carabinieri di Portoferraio), una caduta

rovinosa, drammatica, "definitiva". Fabio

Bardelloni ci lascia così in una maniera

inaspettatamente drammatica. 17 anni

speranza dello sport portoferraiese con la

"sua/nostra Elba 97 Calcio a 5 nelle  cui fila

da Allievo, quest'anno facendo autentici passi

da gigante arriva a giocare in Serie B ,

conquistandosi al pari dell'amico Ivan Gatto,

la convocazione nella Selezione Regionale

Allievi con "meta" verso l'inclusione nei 13

convocati finali per il Torneo delle Regioni che

conquistavi  sorretto dallo sforzo di tutti Noi

delegati ad accompagnarvi settimanalmente

tra Montecatini Poggibonsi, Firenze, soffredo,

( con quell'infortunio all'alluce che poteva

anche impedirti di vivere questa importante

esperienza) ma guadagnandosi la stima dei

tecnici della Selezione. Era appena tornato da

Perugia dove aveva disputato le 3 partite

segnando anche un gol con i 2 realizzati da

Ivan Gatto.

Adesso a 5 giorni dalla prima delle 2 partite che

da sole varrebbero una stagione intera, questa

immane tragedia, che pone ovviamente tutto in

secondo piano; Fabione mi ero affezzionato a Te

ed a Ivan; se non c'era l'appuntamento alla

trasferta infrasettimanale, quasi ci stavo male,

mi mancava "un qualcosa". Ti/vi avevo portato

Io a Coverciano per salire sul Pullman per Perugia

fiero assieme a tutta l'Elba 97 di avervi "caricato"

ben 2 nostri tesserati.  E Voi ci avete dato

dimostrazione di meritarvi quelle attenzioni: 2 gol

di Ivan un gol tuo, si inutili alfine della classifica

finale, ma importanti per il morale ed il blasone

societario che delle 3 Api elbane: Avere 2 nostri

ragazzi nella massima competizione nazionale

Allievi vederli anche andare in gol, aveva significato

tanto...tantissimo. Adesso però il "fato" ha appena

tirato il "suo rigo fatale"; quella svolta a destra,

quel rettilineo, questo schianto...e TE CI LASCI

COSI' ATTONITI DISPERATI.

Fabio rimarrai sempre nei nostri ricordifaremo

tutto nel tuo ricordo; siamo vicini ai tuoi Genitori

a tua sorella alla tua fidanzatina. Se ci sarà da

fare qualcosa Io ci sarò sempre.

Te dall'alto proteggici, guidaci, "dacci un segno";

Noi ti penseremo sempre.

Non vale però lasciarci così, in un 1° Maggio 2018

di festa tramutatasi in immane tragedia.

CIAO FABIONE TI RICORDO..TI RICORDIAMO

COSI'... UN BACIO !!!!. STEFANO

Firenze- Altra "immane perdita" nel mondo sportivo fiorentino"

PURTROPPO  CI HA LASCIATO CHIARA BAGLIONI

Alcune belle immagini di Chiara Baglioni.

Marina di Campo- Alzatomi per controllare

posta e facebook sono rimasto "di sasso":

apprendo che nella notte ci ha lasciato la

mia amica Chiara Baglioni . E' una

"Maledetta Primavera": prima Davide Astori,

poi Emiliano Mondonico, adesso Chiara

Baglioni.

Ma che sta succedendo, perchè "tutte a noi" ??.

Sapevo che aveva avuto un problema,

ma non avevo notizie da qualche tempo,

oltretutto sono più all'Elba che a Firenze.

L'ultimo ricordo di Chiara era a Moena,

Lei sempre carina, affabile gentile brava

perfetta sul lavoro; ci hanno unito tantissime

partite sia della Primavera che della Viola; per

qualche tempo avevo collaborato con Saverio

Pestuggia a Fisport ( alla Redazione di

ViolaNews.com le nostre più sentite

Condoglianze) per cui ci vedevamo e ci

sentivamo spesso. Adesso rimane solo il

grandissimo ricordo la stravolgente tristezza

per non averla più con Noi tutti; Niente sarà

come prima. Personalmente da oggi tutto

quelo che farà la Mia Redazione di Firenze

ViolaSupersport/FirenzeViolaSuperSportLive.com

ed Elbasport.com sarà dedicato a Lei.

Alla sua Famiglia, le nostre più sentite

Condoglianze; ci stringiamo a Voi nel caro

struggente ricordo di Chiara RIP

Stefano Ballerini, Paolo Caselli, Fabio Fallai,

Alessandro Coppini, Giacomo Morini e

rispettive Famiglie .

D'ORA IN POI TUTTO IN MEMORIA DI NICCOLO'

D'ora in poi tutto il nostro lavoro sarà legato

anche al ricordo di Niccolò Ciatti ( RIP)

----------------------------------------------------------

LA MEGA BUGIA DI NARDELLA: 1461 giorni !!

Ad oggi dal famoso 19 Luglio 2014 di Nardella

a Moena:" Oggi siamo arrivati alla data più

vicina all'apposizione della 1° pietra del

nuovo Stadio dei Della Valle alla Mercafir;

mancano 300 giorni 210 di carte dei

Geometri e 90 legali". Da li ad oggi sono

passati 1461 giorni, siamo passati per

una riunione di amici in Palazzo Vecchio

per la presentazione dell'ennesimo plastico

di uno Stadio che LI NON SORGERA' MAI

con la Banca Unipol da ME MANDATA IN

DIRETTA SU RADIO FIESOLE 2 giorni

prima :" Siamo molto incazzati...tutti

parlano dei nostri terreni di Castello; ma

nessuno mai ce li ha chiesti; alla Mercafir

NON LI DAREMO MAI". Postilla...La Mercafir

rimarrà alla Mercafir perlomeno per altri 9

anni; quei terreni di castello per fare il

trasloco non ci sono piu'; li ha comprati

Firenze Aeroporti Medicei per i nuovi

parcheggi dell'Aeroporto. Faremo

l'Aereoporto e dall'"attacco-stacco" della

nuova pista dientro la Caserma dei

Carabinieri per un raggio di 10 chilometri

non ci potrà essere ne la Mercafir stessa

NE TANTOMENO UNO STADIO:

DEREGULATION AVIAZIONE CIVILE . CIT !!!!

Le  3 stecche dello Stadio "secondo" Nardella

( ad oggi Giovedi  Giugno 19 Luglio 2018 dal 19

Luglio 2014 a Moena sono 1461 ) e quella secondo

Mario Cognigni sono 725

LA NUOVA "CONTRO STECCA" DELLO

STADIO "FANTASMA" DEI DELLA VALLE:

Dopo l'amichevole "contraddittorio con Mario

Cognigni a Moena "volendo" seguire il "

ragionamento viola iniziammo a tenere la

"contro-stecca dello Stadio:

il 23 Luglio  2016 iniziava il nostro nuovo

conteggio:

Sono passati 725  giorni.... Proseguiremo.

LA 3° STECCA DEL "FANTOMATICO STADIO

DEI DELLA VALLE ...E DI NARDELLA

Adesso  iniziamo a tenere la 3° Stecca del Nuovo

Stadio "sempre più fantasma " dei Della Valle.

DA VENERDI 10 CON LA NUOVA PROMESSA FATTA

DA NARDELLA: 2019 1° Pietra del nuovo Stadio

Conteggio : da Venerdi 10 Marzo ad Oggi Giovedi

19 Giugno 2018 sono 496  giorni.

Siamo ansiosi di vedere dove andremo a finire.

Intanto stiamo lavorando sul fronte BANCA UNIPOL

attendendo un documento dall'ufficio che sta

gestendo l'annosa questione dei terreni della

Mercafir.

In più a breve abbiamo gia avuto un incontro con

l'"Entourage" della Presidenza degli Aeroporti

Toscana  Medicei Firenze e Pisa per dare il la alla

programmazione del progetto costruzione della

nuova Pista "parallela "all'autostrada di circa

3000 metri da Castello al Polo di Sesto Fiorentino.

Su quella "linea..cono" di ingresso o di decollo

secondo la "Deregulation" dell'Aviazione Civile non

ci possono essere impianti sportivi ne tantomeno

Stadi.

Se "tanto mi da tanto" credo che a documento

ricevuto se  sarà quello che dico Io sarò costretto

ad alzarmi ed a dare lettura pubblica di tutt'altra

verità. In Palazzo Vecchio .........

NON ME L'HANNO LASCIATA CHIEDERE ...

AVEVANO UNA PAURA MATTA TUTTI QUANTI

------------------------------------------------------------

LA "MEGA BUGIA DI NARDELLA IN ATTO DAL 19

LUGLIO 2014 A MOENA...300 giorni divenuti ad

oggi 7 Maggio  2018 : 1461 !!!! MEGA BUGIA !!

Il Sindaco di Firenze Dario Nardella quel giorno

salito a Moena "ci " annunciava: Ad oggi mancano

210 giorni + 90 per apporre il primo mattone del

nuovo Stadio di Firenze" ...!!! ( Pinocchio...one !!)

Da quel  discorso di Dario Nardella a Moena

del 19 Luglio 2014 sono passati ad oggi 19 Luglio

2018  4 anni esatti  2018 1461   giorni.!!!

E noi continueremo a tenere aggiornata la

"nostra stecca"

Stefano Ballerini e la sua Redazione.

 

E parallelamente apriamo la "contro stecca" del 3°

progetto dei Della Valle . Il 23 Luglio 2016  mi

sono permesso di mettermi " a tu per tu" con il

Presidente Operativo Mario Cognigni, mettendolo

sul "chi va là" dalle tante promesse finora

andate vane di Nardella.

I Della Valle asseriscono sicuri che lo Stadio

si farà li dove Nardella "asserirebbe": alla

Mercafir laddove però secondo noi e secondo

molti egli addetti ai lavori non si farà mai o se

"si farà" non prima di 6-7 anni.

Allora la stecca è partita: 23 Luglio 2016-19

Luglio 2018  fanno 725 giorni ogni giorno

l'aggiorneremo e vediamo dove andremo a

finire.

Da quell' incredibile 10 marzo in Palazzo

Vecchio ad oggi 19 Febbraio 2018 sono

496.... E NOI CONTINUIAMO...!!!

ma intanto al Sindaco Nardella,

all'Assessorato allo Sport vada il

più "FERVIDO"....VERGOGNATEVI

ASSOLUTAMENTE TUTTI  !!

Lo Stadio alla Mercafir NON SI FARA' MAI

STAMPATEVELO NEL CERVELLO

...SE CE L'AVETE !!!!