Home CALCIO Dirette Testuali

Ultime notizie

Bed And Breakfast

cover.jpg
 
logo_err.jpg
Dirette Testuali
Calcio Quarto di Champons amarissimo per la Juve; un rigore di Ronaldo al 97 escude i bianconeri 1-3 PDF Stampa E-mail
Scritto da Stefano Ballerini   
Giovedì 12 Aprile 2018 13:05

Champions che regala una altra notte di "pura follia" ……
LA JUVENTUS DOMINA FINO AL 92.50", POI UN RIGORE PAZZESCO" 3-1 ; IL REAL MADRID SI SALVA IN "CORNER"
Un-due-tre tamburo: bis di Mandzukic e "single" di Matuidi ; ma al 97° Ronaldo batte Szczesny dal dischetto al 97..!!!

REAL MADRID-JUVENTUS 1-3
Real Madrid (4-3-1-2): Navas; Carvajal, Vallejo, Varane, Marcelo; Kroos, Casemiro (1' st Lacas Vazquez), Modric (30' st Kovacic); Isco; Cristiano Ronaldo, Bale (1' st Asensio). A disp.: Casilla, Benzema, Theo, Llorente. All.: Zidane
Juventus (4-3-3): Buffon; De Sciglio (17' Lichtsteiner), Benatia, Chiellini, Alex Sandro; Khedira, Pjanic, Matuidi; Douglas Costa, Higuain (50' st Szczesny), Mandzukic. A disp.: Rugani, Asamoah, Marchisio, Cuadrado, Sturaro. All.: Allegri
Arbitro: Oliver (Ing)
Marcatori: 2', 37' Mandzukic (J), 15' st Matuidi, 52' st RIG Ronaldo (R)
Ammoniti: Pjanic (J), Carvajal (R), Mandzukic (J), Lichtsteiner (J), Alex Sandro (J), Douglas Costa (J), Marcelo (R), Benatia (J)
Espulsi: Buffon (J)
Note: Al 93' espulso Buffon (J) per proteste

Madrid- IN…CRE…DI…BI…LEEEEEE !!! Da infarto… in un finale pazzesco non adatto ai deboli di coronarie sia spagnoli che juventini, il Real Madrid "beffa" la Juventus al minuto 97 su un calcio di rigore  decretato dall'incerto Mister Oliver al 93° su cui si continuerà a "disquisire" chissà per quanto tempo. Nel ritorno dei quarti di Champions, la Juventus sfiora un autentico miracolo al Bernabeu contro il Real Madrid: dopo lo 0-3 subito all'andata i bianconeri dominano a campo inverso e vanno subito avanti con una doppietta di Mandzukic (in gol dopo 80 secondi ed al 37'); nella ripresa "sfarfallatona" di un pessimo Navas, e la rete di Matuidi al 60'. A un "amen" dai supplementari, decide tutto un rigore assegnato agli spagnoli per un "fallo" di Benatia in area davanti a Buffon e trasformato da CR7 al 97'a Szczesny che aveva sostituito Buffon cacciato dall'arbitro dopo roventi proteste subentrando a Higuain. Il 3-1 finale non basta: in semifinale ci va Zidane...che "ultra-beffa" ....!!!

 
Calcio Quarto di Champons grandioso per la Roma : 3-0 al Barcellona !!! PDF Stampa E-mail
Scritto da Stefano Ballerini   
Giovedì 12 Aprile 2018 13:05

Champions che regala una altra notte di "pura follia" ……Grandiosa rimonta romanista ...

Notte da ricordare per sempre all'Olimpico ..Incasso record qualificazione da record, una Roma fantastica..

UN-DUE..TRE TAMBURO.. 3-0 MESSI & COMPANY A CASA E  ANTONELLO VENDITTI CANTA ROMA ROMA ROMA !!!

DAIE ROMAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA !!!!!!

Subito Dzeko poi "Capitan Futuro" De Rossi su rigore infine la "testina fatata di Manolas

 

ROMA-BARCELLONA 3-0 (and. 1-4)
Roma (3-5-2)
: Alisson; Manolas, Fazio, Juan Jesus; Florenzi, Nainggolan (32' st El Shaarawy), De Rossi, Strootman, Kolarov; Schick (27' st Under), Dzeko. A disp.: Skorupski, Bruno Peres, Pellegrini, Gerson, Gonalons. All.: Di Francesco.
Barcellona (4-4-2): Ter Stegen; Semedo (40' st Dembelé), Piqué, Umtiti, Jordi Alba; Sergi Roberto, Rakitic, Busquets (40' st Alcacer), Iniesta (36' st Andre Gomes); Suarez, Messi. A disp.: Cillessen, Vermaelen, D. Suarez, Alcacer, Paulinho. All.: Valverde.
Arbitro: Turpin (Francia)
Marcatori: 6' Dzeko, 13' st rig. De Rossi, 37' st Manolas
Ammoniti: Fazio, Juan Jesus (R); Messi, Piqué, Suarez (B)
Espulsi: nessuno

Note Spettatori 70.000 circa

Roma - 70.000 volte ROMA ROMA ROMA, suona il post partita più gettonato al'Olimpico del maestro" Antonello Venditti a significare l'impresapiù  incredibile compiuta stasera dalla Roma di Mister Di Francesco che chiude l'emorragia di sconfitte interne tra campionato e Coppa Italia che erano arrivate a 6  battendo  3-0 il Barcellona di Messi e  qualificandosi  alle semifinali di Champions League dopo l'1-4 del Camp Nou.

Diteci in quanti avevate scommesso su questo risultato che riporta alle menti dei grandi storici che Dante diceva..." 3 è il numero perfetto"..?? !!

Una partita perfetta da brividi, BRAVI BRAVI BRAVI...GRANDI GRANDI GRANDI di quelle che si potranno raccontare a figli e nipotini; una serata quella dei giallorossi, sbloccata già al 6' con la zampata vincente di Dzeko su lancio di De Rossi gol capace di corroborare animi, cuori, speranze,  Lo stesso Capitan Futuro  ha raddoppiato "glacialmdnte" al 58' dal dischetto dopo il fallo di Piqué sull'irrefrenabile  bosniaco, il miglior in campo ( 9)  ma è di Manolas all'82' il colpo di testa che firma un'impresa storica. Da li  intercorrevano 8 minuti + 4 di recupero da animi forti, non adatti ai deboli di coronarie di fede giallorossa ed anche dei 1400 tifosi catalani arrivati nella capitale convinti di fare gita turistica + scampagnata, ma che poi alla fine si tramutavano  in una delusione colossale. Dal 4-1 "blau-grana" al 3-0 giallorosso che nell' "aggregate" fa 4-4, ma il gol di Dzeko al "Nou Camp" spariglia l'equilibrio mandando l'unidici del bravo e simpatico Di Francesco in semifinale della Champions.

Il "ranking" italiano è corroborato, le nostre quotazioni risalgono, torna il sereno dopo le "delusioni mundial", adesso tocca alla Juve scendere in campo al Bernabeu a cercar "duplice impresa".

IN...CRE...DI...BI...LEEEEEEE  !!!! Grazie e Forza Roma ..quando ce vuò ce vuò..!!

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 12 Aprile 2018 13:09
 
Calcio: La Serie A "si è messa in pari": Lazio Udinese 3-0; Sampdoria Roma 1-1 PDF Stampa E-mail
Scritto da La Redazione   
Mercoledì 24 Gennaio 2018 22:19

Calcio: il campionato si è messo in pari…. i biancocelesti sono terzi da soli, La Roma scivola al 5° posto..

Serie A: Lazio-Udinese: "un due tre…tamburo" 3-0, i biancocelesti sono terzi da soli
All'Olimpico decidono un'autorete di Sami e i gol di Nani e Felipe Anderson nella ripresa. L'Inter scivola a -3

LAZIO-UDINESE 3-0
Lazio (3-5-2): Strakosha ; Wallace , de Vrij , Radu; Basta, Parolo (41' st Murgia ), Leiva, Milinkovic-Savic (20' st Lulic ), Lukaku; Felipe Anderson, Nani (27' st Luis Alberto ). A disp.: Vargic, Guerrieri, Patric, Caceres, Luiz Felipe, Bastos, Marusic, Jordao, Caicedo. All.: Inzaghi
Udinese (3-5-2): Bizzarri; Nuytinck , Danilo, Samir; Stryger Larsen, Fofana, Hallfredsson (34' st Balic ), Barak (10' st De Paul), Pezzella; Perica (19' st Jankto), Maxi Lopez . A disp.: Scuffet, Pizzignacco, Angella, Caiazza, Donadello, Ingelsson, Pontisso, Jaadi. All.: Oddo
Arbitro: Banti
Marcatori: 26' aut. Samir, 2' st Nani, 42 st Felipe Anderson
Ammoniti: Perica (U), Samir (U)

Roma- Adesso è "quasi ufficiale..per un altro anno ne Inter ne Milan faranno la Champions. La Lazio da stasera è 3° il 4° posto vede favorita la Roma sull'Inter .Nel recupero della 12a giornata di Serie A, la Lazio batte 3-0 l'Udinese che vede interrotta la striscia positiva di "Super" Mister Oddo, , stacca l'Inter in classifica e rimane da sola al terzo posto. A rompere l'equilibrio all'Olimpico è un'autorete di testa di Samir (22'), propiziata da un cross teso di Milinkovic-Savic. A inizio ripresa Nani (47') trova il raddoppio servito al bacio da Felipe Anderson. Il brasiliano nel finale in contropiede (87') cala il tris. E' record di punti (40) nel girone d'andata.

Dzeko salva la Roma in extremis, pari con la Samp

Serie A: SAMPDORIA BEFFATA IN "ZONA CESARINI" DAL PARTENTE DZEKO: 1-1

Quagliarella segna su rigore ( 4 gol in 2 partite), un gol del bosniaco (con le valige pronte) nel recupero vale un punto per i giallorossi

SAMPDORIA-ROMA 1-1 (Primo tempo 1-0)
Marcatori: 47' rig. Quagliarella (S), 91' Dzeko (R)

SAMPDORIA (4-3-1-2): Viviano; Bereszynski, Silvestre, Ferrari, Strinic (dal 73' Murru); Praet (dall'80' Barreto), Torreira, Linetty; Ramirez; Zapata, Quagliarella (dal 50' Caprari). A disposizione: Puggioni, Tozzo, Andersen, Sala, Alvarez, Regini, Verre, Capezzi, Kownacki. Allenatore: Marco Giampaolo.
ROMA (4-3-3): Alisson; Florenzi, Manolas, Fazio, Kolarov; Pellegrini (dall'80' Gerson), Strootman, Nainggolan; Defrel (dal 63' Schick), Dzeko, Under (dal 73' Antonucci). A disposizione: Skorupski, Lobont, Juan Jesus, Moreno, Nura, Peres, Emerson. Allenatore: Eusebio Di Francesco.

Arbitro: Daniele Orsato (sez. Schio).

NOTE: Ammoniti: 15' Dzeko, 61' Strootman, 93' Florenzi (R), 38' Linetty (S). Recupero: 2’ p.t.; 4’ s.t..


Genova- Al L.Ferraris(sponda blucerchiata) esce un pareggio spettacolare tra Sampdoria e Roma 1-1 nel recupero della terza giornata di Serie A.
Blucerchiati avanti nel finale del primo tempo grazie a un rigore concesso dal Var e trasformato da Quagliarella (47’) in gol per 4 volte nelle ultime 2 gare; . Nella ripresa, Alisson salva i suoi in un paio di circostanze, poi è l’uomo più atteso, Dzeko, arrivato a Genova con le valige pronte e fatto giocare da Mister Di Francesco, a trovare il gol del pari su assist del giovanissimo Antonucci (91'). Termina 1-1 con la Roma a -2 dal quarto posto ma comunque con le "carte migliori" da calare per centrare il 4° posto che varrà la Champions.

 
Calcio: Anderson "grazia" l'Inter che si salva "in barca": 0-0 PDF Stampa E-mail
Scritto da Stefano Ballerini   
Sabato 30 Dicembre 2017 19:59

Calcio: nel 1° posticipo grande "chanches" laziale sprecata a San Siro

ANDERSON A 2 METRI DALLA PORTA SPALANCATA  METTE FUORI: UNA BRUTTISSIMA INTER SALVA "IN BARCA"

INTER-LAZIO 0-0
Inter (4-2-3-1): Handanovic ; Cancelo (37' st Dalbert), Ranocchia, Skriniar, Santon; Vecino, Gagliardini; Candreva (27' st Joao Mario ), Borja Valero (40' st Brozovic ), Perisic; Icardi. A disp.: Padelli, Berni, Karamoh, Eder, Nagatomo, Lombardoni, Pinamonti. All.: Spalletti
Lazio (3-5-1-1): Strakosha; Bastos, De Vrij, Radu; Marusic, Parolo  Leiva, Milinkovic-Savic (38' st Nani), Lulic (13' st Lukaku ); Luis Alberto (20' st Felipe Anderson); Immobile. A disp.: Guerrier, Vargic, Patric, Basta, Wallace, Luiz Felipe, Neto, Jordao, Murgia. All.: S. Inzaghi
Arbitro: Rocchi
Marcatori: -
Ammoniti: Santon (I), Vecino (I), Radu (L)

Milano- Se Spalletti mangia il panettone a Milano lo deve ad Anderson che a porta spalancata a meno di 5 dalla fine tocca mollemente in assoluta superficialità un cross da deporre facilmente nel sacco neroazzurro. Nel 1° posticipo della 19°  ed ultima di andata, Inter e Lazio finisce 0-0. Gara intensa e con diverse occasioni quella di San Siro dove a sfiorare il gol sono stati Perisic e Anderson. Più intensa e propositiva la squadra di Inzaghi mentre quella di Spalletti riparte piano dopo due sconfitte consecutive in campionato. I nerazzurri  con uno score preoccupante di 1 punto nelle ultime 4 gare con l'uscita inframezzata dalla Coppa Italia, restano terzi in classifica a 41 punti, i biancocelesti (con una gara in meno) quinti a 37.

 
Calcio:Europa League:l'Atalanta "fa la Dea" col Lione1-0; Il Milan ko a Ryeka, la Lazio ko a Waregem PDF Stampa E-mail
Scritto da Stefano Ballerini   
Giovedì 07 Dicembre 2017 22:35

Ultimo turno di Europa League :per adesso 1 notizia bellissima ed una "rosso-nerissima"..
EUROPA LEAGUE: ATALANTA-LIONE 1-0; RYEKA MILAN 2-0
Petagna "dona il 1° posto"; Puljic e Gavranovic rovinano il cammino europeo dei rossoneri

pur già qualificati ai sedicesimi

La Lazio stava  perdendo a Waregem 1-0 ....gol annullato a Palombi; poi 2-0, ma

Caicedo prima e Lucas Leiva dicevano di una doppia rimonta sul  2-2...ma Iseka sigla

il 3-2 finale.

 

RIJEKA-MILAN 2-0
Rijeka (4-2-3-1): Sluga; Vesovic, Zuparic, Elez, Zuta; Males, Pavicic; Acosty (31' st Puncec ),

Gavranovic (35' st Crnic ), Kvrzic (40' st Mavrias ); Puljic . A disp.: Prskalo, Lepinjica, Santek,

Celikovic. All.: Kek .
Milan (3-5-2): Storari; Zapata, Paletta, Romagnoli; Calabria, Zanellato (30' st Abate ), Biglia

Locatelli Antonelli (35' st Forte ); Cutrone, André Silva. A disp.: A. Donnarumma, Montolivo,

Bonucci, Abate, Musacchio, Forte, Gabbia. All.: Gattuso
Arbitro: Vad (Ungheria)
Marcatori: 7' Puljic, 2' st Gavranovic
Ammoniti: Males (R); Andre Silva, Antonelli (M)
Espulsi: nessuno

Ryeka- Mamma mia che "razza" di Milan…Mister Gattuso non porta davvero bene:

1° punto concesso al Benevento, 1° vittoria e 1° sconfitta della sua gestione concessi

al Ryeka.

Finisce infatti con una sconfitta il gironcino di Europa League del Milan. I rossoneri di

Gattuso,pur già sicuri del primato nel Gruppo D, sono stati battuti 2-0 sul campo del

Rijeka già eliminato. Prestazione invereconda…le seconde linee milaniste sono andate

subito sotto per la punizione all'incrocio dei pali di Puljic all'attenti penti via al 7'.

La reazione è tutta concentrata in un pallonetto sbagliato da Cutrone, mentre a inizio

ripresa è arrivato il raddoppio di Gavranovic.

Milan comunque ai sedicesimi, ma che il "Diavolo"

si muova a fare i punti saviezza in campionato perché "questo" Milan da l'impressione

di non esserci per davvero !!

 

Europa League, Atalanta-Lione 1-0: Mister Gasperini porta i suoi al 1° posto... primo

nel girone
A Reggio Emilia decide un gol di Petagna al 10':
i nerazzurri restano imbattuti e vincono il Gruppo E

ATALANTA-LIONE 1-0
Atalanta (3-4-2-1) : Berisha; Toloi, Caldara, Masiello; Hateboer, Cristante (41' st De Roon),

Freuler, Spinazzola; Ilicic (37' st Palomino), Gomez; Petagna (31' st Kurtic).

A disp.: Gollini, Castagne, Orsolini, Cornelius. All.: Gasperini
Lione (4-2-3-1): Lopes; Rafael, Marcelo, Diakhaby, Mendy; Ferri, Ndombele;

Cornet (45' Geubbels), Fekir, Depay (23' st Aouar); Mariano Diaz (30' st Gouiri).

A disp.: Gorgelin, Tete, Marcal, Tousart. All.: Genesio
Arbitro: Eskov (Rus)
Marcatori: 10' Petagna (A)
Ammoniti: Freuler (A), Toloi (A)

Reggio Emilia- E andiamoooo grandissima Dea !!! Ancora al "Mapei Stadium" di Reggio

Emilia ( Impianto porta fortuna) con ancora tanti tifosi al seguito, l'Atalanta batte anche

il Lione 1-0 nell'ultimo turno di Europa League e chiude addirittura al primo posto il

Gruppo E.
Decide la gara un gol di Petagna in avvio al minuto 10' che sfrutta una deviazione

acrobatica di Hateboer imprimendo il tocco decisivo di testa a battere Lopes.

I bergamaschi soffrono il giusto con il Lione che chiede un rigore per un fallo di

mano in area della "Dea" con concesso. I bergamaschi così riescono nell'impresa

di chiudere la fase a gironi senza sconfitte. Gasperini, timbra i sedicesimi da testa di

serie, 4 vittorie e 2 pareggi.

E. League, i giovani biancazzurri perdono l'imbattibilità in Europa
ZULTE WAREGEM LAZIO 3-2.
In Belgio i biancocelesti chiudono con una sconfitta indolore la fase a gironi: decide

una prodezza di Iseka

ZULTE WAREGEM-LAZIO 3-2
Zulte Waregem (3-4-1-2): Bostyn; Heylen, de Fauw, Baudry; Walsh (42' st Saponjic),

Doumbia (1' st De Sart), Kaya, Madu (1' st Hamalainen); Coopman; de Pauw,

Leya Iseka. A disp. Leali, de Smet, Cordaro, Kastanos. All. Dury.
Lazio (3-5-2): Vargic; Patric, Luiz Felipe (19' st Wallace), Bastos; Basta,

Miceli (10' st Leiva), Murgia, Crecco (10' st Felipe Anderson), Lukaku; Palombi,

Caicedo. A disp. Guerrieri, Armini, Marusic. All. Inzaghi.
Arbitro: Kalogeropoulos (GRE)
Marcatori: 6' De Pauw (W), 15' st Heylen (W), 22' st Caicedo (L), 31' Leiva (L),

38' st Iseka (W)
Ammoniti: Walsh (W)
Espulsi: -

Waregem- La Lazio perde "sul più bello" l'imbattibilità in Europa perdendo l'ultimo

match a Warewgem, chiudendo con una sconfitta indolore l'ultimo turno della fase a

gironi di E. League.

Con la qualificazione al primo posto già in cassaforte, in Belgio la squadra

di Inzaghi scende con una formazione imbottita di giovani perdendo 3-2 con lo Zulte

Waregem pur dopo essere riuscita a rimontare il 2-0 dei padroni di casa. De Pauw

apre le marcature al 6' di testa, poi Heylen raddoppia i conti al 60' sugli sviluppi di un

corner con un Vargic "non perfettibile". Caicedo al 67' e Leiva al 76' riaprono il match,

ma poi Iseka chiude la gara con una perla di sinistro all'83' in girata dal limite.

Stavolta il gol del 3-2 è imparabile per l'estremo laziale.

Ultimo aggiornamento Lunedì 11 Dicembre 2017 17:05
 
«InizioPrec.12345Succ.Fine»

Pagina 1 di 5
Copyright © 2018 FirenzeViolaSuperSport. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
 

Facebook

Segui FirenzeViolaSupersport
su Facebook.

Editoriale

di Stefano Ballerini

Firenze- Altra "immane perdita" nel mondo sportivo fiorentino"

PURTROPPO  CI HA LASCIATO CHIARA BAGLIONI

Alcune belle immagini di Chiara Baglioni.

Marina di Campo- Alzatomi per controllare

posta e facebook sono rimasto "di sasso":

apprendo che nella notte ci ha lasciato la

mia amica Chiara Baglioni . E' una

"Maledetta Primavera": prima Davide Astori,

poi Emiliano Mondonico, adesso Chiara

Baglioni.

Ma che sta succedendo, perchè "tutte a noi" ??.

Sapevo che aveva avuto un problema,

ma non avevo notizie da qualche tempo,

oltretutto sono più all'Elba che a Firenze.

L'ultimo ricordo di Chiara era a Moena,

Lei sempre carina, affabile gentile brava

perfetta sul lavoro; ci hanno unito tantissime

partite sia della Primavera che della Viola; per

qualche tempo avevo collaborato con Saverio

Pestuggia a Fisport ( alla Redazione di

ViolaNews.com le nostre più sentite

Condoglianze) per cui ci vedevamo e ci

sentivamo spesso. Adesso rimane solo il

grandissimo ricordo la stravolgente tristezza

per non averla più con Noi tutti; Niente sarà

come prima. Personalmente da oggi tutto

quelo che farà la Mia Redazione di Firenze

ViolaSupersport/FirenzeViolaSuperSportLive.com

ed Elbasport.com sarà dedicato a Lei.

Alla sua Famiglia, le nostre più sentite

Condoglianze; ci stringiamo a Voi nel caro

struggente ricordo di Chiara RIP

Stefano Ballerini, Paolo Caselli, Fabio Fallai,

Alessandro Coppini, Giacomo Morini e

rispettive Famiglie .

D'ORA IN POI TUTTO IN MEMORIA DI NICCOLO'

D'ora in poi tutto il nostro lavoro sarà legato

anche al ricordo di Niccolò Ciatti ( RIP)

----------------------------------------------------------

LA MEGA BUGIA DI NARDELLA: 2239 giorni !!

Le  3 stecche dello Stadio "secondo" Nardella

( oggi Domenica 18 Febbraio 2018

sono 2239 )  e secondo Mario Cognigni

LA NUOVA "CONTRO STECCA" DELLO

STADIO "FANTASMA" DEI DELLA VALLE:

Dopo l'amichevole "contraddittorio con Mario

Cognigni a Moena "volendo" seguire il "

ragionamento viola iniziammo a tenere la

"contro-stecca dello Stadio:

il 23 Luglio  2016 iniziava il nostro nuovo conteggio:

Sono passati 1081  giorni.... Proseguiremo.

LA 3° STECCA DEL "FANTOMATICO STADIO

DEI DELLA VALLE ...E DI NARDELLA

Adesso  iniziamo a tenere la 3° Stecca del Nuovo

Stadio "sempre più fantasma " dei Della Valle.

DA VENERDI 10 CON LA NUOVA PROMESSA FATTA

DA NARDELLA: 2019 1° Pietra del nuovo Stadio

Conteggio : da Venerdi 10 Marzo

ad Oggi Venerdi 16 Febbraio 2018 sono 344  giorni.

Siamo ansiosi di vedere dove andremo a finire.

Intanto stiamo lavorando sul fronte BANCA UNIPOL

attendendo un documento dall'ufficio che sta

gestendo l'annosa questione dei terreni della

Mercafir.

In più a breve avremo un incontro con

l'"Entourage" della Presidenza degli Aeroporti

Toscana  Medicei Firenze e Pisa per dare il la alla

programmazione del progetto costruzione della

nuova Pista "parallela "all'autostrada di circa

3000 metri da Castello al Polo di Sesto Fiorentino.

Su quella "linea..cono" di ingresso o di decollo

secondo la "Deregulation" dell'Aviazione Civile non

ci possono essere impianti sportivi ne tantomeno

Stadi.

Se "tanto mi da tanto" credo che a documento

ricevuto se  sarà quello che dico Io sarò costretto

ad alzarmi ed a dare lettura pubblica di tutt'altra

verità. In Palazzo Vecchio .........

NON ME L'HANNO LASCIATA CHIEDERE ...

AVEVANO UNA PAURA MATTA TUTTI QUANTI

------------------------------------------------------------

LA "MEGA BUGIA DI NARDELLA IN ATTO DAL 19

LUGLIO 2014 A MOENA...300 giorni divenuti ad

oggi 19 Febbraio 2018 : 2239 !!!! MEGA BUGIA !!

Il Sindaco di Firenze Dario Nardella quel giorno

salito a Moena "ci " annunciava: Ad oggi mancano

210 giorni + 90 per apporre il primo mattone del

nuovo Stadio di Firenze" ...!!! ( Pinocchio...one !!)

Da quel  discorso di Dario Nardella a Moena

del 19 Luglio 2014 sono passati ad oggi 16 Febbraio

2018 2239   giorni.

E noi continueremo a tenere aggiornata la

"nostra stecca"

Stefano Ballerini e la sua Redazione.

 

E parallelamente apriamo la "contro stecca" del 3°

progetto dei Della Valle . Il 23 Luglio 2016  mi

sono permesso di mettermi " a tu per tu" con il

Presidente Operativo Mario Cognigni, mettendolo

sul "chi va là" dalle tante promesse finora

andate vane di Nardella.

I Della Valle asseriscono sicuri che lo Stadio

si farà li dove Nardella "asserirebbe": alla

Mercafir laddove però secondo noi e secondo

molti egli addetti ai lavori non si farà mai o se

"si farà" non prima di 6-7 anni.

Allora la stecca è partita: 23 Luglio 2016 -19

Febbraio 2018  fanno 541 giorni ogni giorno

l'aggiorneremo e vediamo dove andremo a

finire.

Da quell' incredibile 10 marzo in Palazzo

Vecchio ad oggi 19 Febbraio 2018 sono

344.... E NOI CONTINUIAMO...!!!

ma intanto al Sindaco Nardella, all'Assessorato

allo Sport vada il più "FERVIDO"....

VERGOGNATEVI ASSOLUTAMENTE TUTTI  !!

Lo Stadio alla Mercafir NON SI FARA' MAI

STAMPATEVELO NEL CERVELLO

...SE CE L'AVETE !!!!