Home RUGBY Notizie Nazionali Rugby: Cattolica Test Match: dall'Euganeo di Padova: Italia Australia END 7-26

Bed And Breakfast

cover.jpg
 
logo_err.jpg
Rugby: Cattolica Test Match: dall'Euganeo di Padova: Italia Australia END 7-26 PDF Stampa E-mail
Scritto da Stefano Ballerini   
Sabato 17 Novembre 2018 11:31

Padova, Stadio Euganeo 2° Cattolica Test match

UNA OTTIMA  ITALIA PERDE CON L'ONORE DELLE ARMI CONTRO L'AUSTRALIA 7-26

Che peccato: vanifichiamo nel 2° tempo tantissime occasioni per far davvero male agli "Aussie"

SALA STAMPA CONNOR O'SHEA: QUESTA PARTITA IL NOSTRO CT SE LA SOGNERA' PER TANTO TEMPO...

17 Novembre 2018

ITALIA, O'SHEA: "COMPIUTI PASSI IN AVANTI NELLA PRESTAZIONE"

Padova - E' un Conor O'Shea particolarmente arrabbiato quello sceso in sala stampa dopo il fischio finale del Cattolica Test Match contro l'Australia di Michael Cheika. Decisioni arbitrale mal digerite ed errori evitabili in alcuni passaggi-chiave della gara hanno confezionato un risultato che poteva essere differente.

“La sfida era giocare il secondo tempo con la stessa decisione messa nel primo, ma con maggiore precisione in fase di possesso. Il match di oggi è un passo avanti per la squadra sotto molto punti di vista, soprattutto attitudinale, ma sono arrabbiato perché nel primo tempo abbiamo avuto 3-4 chance fondamentali, quella di Tebaldi in particolare era indubbiamente meta e questo avrebbe cambiato gli equilibri del match perché l’Australia aveva in quel momento molto pressione addosso. Dobbiamo certamente focalizzare il lavoro sui nostri errori, ma la strada è quella giusta”.

CLICCA QUI PER LA VIDEO CONFERENZA DI O'SHEA E LE INTERVISTE A GHIRALDINI E CASTELLO

“Riguardo rimessa laterale e punti d’incontro, al netto dei nostri errori concordo con Eddie Jones sul richiamo fatto alla necessità di trovare un unico metro interpretativo su certe situazione di gioco. Dobbiamo comunque guardare con lucidità a tutto quello che rientra nella nostra possibilità di controllo: le nostre decisioni di gioco, la disciplina, l’esecuzione, quelle sono le aree dove dobbiamo e possiamo migliorare, in vista degli All Blacks e del prossimo Sei Nazioni”.

“Con le nostre due franchigie di Pro14 c’è stato un incontro in settimana: lavorare allineati dal punto di vista degli obiettivi del gioco è fondamentale per il nostro successo a livello internazionale”

Padova-

17 Novembre 2018

CATTOLICA TEST MATCH 2018, A PADOVA L'AUSTRALIA SUPERA 26-7 L'ITALIA

Un’Australia spietata nel sezionare la difesa azzurra alternando fisicità brutale a precisione chirurgica porta a casa il secondo Cattolica Test-Match di novembre con il punteggio di 26 a 7, dopo una prima frazione chiusa sul 14 a 0 per i Wallabies. Dubbi sulla meta non assegnata a Tebaldi poco prima del quarto d'ora che avrebbe potuto definire diversamente gli equilibri in campo, poi i ragazzi di Cheika concretizzano il maggior possesso portandosi in vantaggio per due volte prima della pausa. Al rientro Azzurri in difficoltà nella prima fase, poi la reazione, con la meta di Bellini che precede una serie di buone occasioni frutto di una notevole presenza territoriale, ma alcuni errori nei momenti cruciali penalizzano il XV di O'Shea portando la gara verso un finale di segno Aussie.

Stadio Euganeo, Padova – 17 Novembre 2018

Cattolica Test match

Italia Vs Australia 7-26 (pt 0-14)

Marcatori: PT 29’ m. Kerevi, tr. To’omua (0-7); 35’ m. Kerevi, tr. To’omua (0-14). ST 43’ m. Tupou, tr. To’omua (0-21); 45’ m. Bellini, tr. Allan (7-21); 78’ m. Genia, nt (7-26).

Italia:Jayden Hayward; Tommaso Benvenuti, Michele Campagnaro,Tommaso Castello, Mattia Bellini (71’ Morisi); Tommaso Allan (64’ Canna), Tito Tebaldi (58’ Palazzani); Abraham Jurgens Steyn, Jake Polledri, Sebastian Negri (50’ Fuser);Dean Budd, Alessandro Zanni (59’ Meyer); Simone Ferrari (50’ Pasquali), Leonardo Ghiraldini (C – 61’ Bigi), Andrea Lovotti (61’ Traoré). Head-Coach: Conor O’Shea

Australia: Israel Folau; Adam Ashley-Cooper, Samu Kerevi, Bernard Foley (52’ Beale), Marika Koroibete (64’ Ainsley – 69’ Haylett-Petty));Matt To'omua, Jake Gordon (64’ Genia); David Pocock (50’ Dempsey), Michael Hooper (c), Jack Dempsey (6’ – 16’ pt. Samu); Adam Coleman (50’ Simmons), Izack Rodda; Taniela Tupou (46’ Kepu), Folau Fainga’a (46’ Polota-Nau), Scott Sio (77’ Ainsley). Head-Coach: Michael Cheika

Arbitro: Pascal Gauzere (FFR)

Assistenti: Andrew Brace (IRFU) e Mike Adamson (SRU)

Calciatori: Allan 1/1; To’omua 3/5.

Cartellini: 59’ giallo a Sio (AUS).

Man of the Match: Samu Kerevi (AUS)

Note: Cielo sereno. Temperatura 12°. Terreno in buone condizioni. Spettatori: 18621.

PRIMO TEMPO

Kick-off ed è subito Italia: il primo possesso arriva da un turn-over guadagnato sulla metà campo ospite, con gli Aussies pressati da una difesa aggressiva sui primi due punti di collisione. L’Australia recupera e muove palla dalle retrovie con Folau a tentare la sgroppata, ma i due centri italiani fanno buona guardia.

Al 5’ fiammata del XV di O’Shea: Hayward annusa il gap ed esplora bene il territorio oltre la prima linea di difesa, poi chiama i compagni allo scatto con un calcetto a seguire che trova Steyn pronto alla raccolta. Il Numero 8 si abbassa e di forza punta alla bandierina, ma l’ultimo placcaggio spinge il piede oltre la linea laterale proprio sul tocco, con il TMO a confermare la rimessa laterale per l’Australia.Passano 2’ e i Wallabies tornano in attacco, sul fallo azzurro ai 35 metri To’omua va per i pali ma la palla esce lateralmente.

Al 13’ Tebaldi è rapace nell’anticipo su Gordon da rimessa laterale ed intercetta l’ovale a metà campo volando fin sotto i pali spinto da tutto il pubblico: l’esultanza è però strozzata in gola perché Gauziere chiama l’off-side tra le vane richieste di capitan Ghiraldini di utilizzare il TMO. La reazione dei ragazzi di Cheika è veemente: una sequenza a terra porta gli avanti in giallo a pochi centimetri dalla meta azzurra, ma la difesa sbroglia e lo score rimane invariato.

C’è nel frattempo un problema di disciplina: al 22’ sono già cinque i calci contro concessi all’Australia, ma l’Italia ha un ottimo atteggiamento difensivo e riesce a non soffrirne troppo. Al 26’ l’ennesimo tentativo al largo degli ospiti rischia di diventare letale per gli italiani: To’omua bascula in mezzo al campo e con un mezzo tempo di ritardo disorienta la linea in opposizione innescando gli ingressi sulla profondità di Foley e Kerevi, ma ad un passo dalla linea Campagnaro si frappone rubando l’ovale per l’ennesimo salvataggio.

Alla mezz’ora un errore al placcaggio porta però al primo vantaggio per l’Australia, che vola in sovrannumero sulla terra di nessuno muovendo palla in tre mosse fino al tuffo di Koroibete sotto l’acca. To’omua è preciso alla conversione ed il punteggio va sul 7 a 0. La fisicità ospite è devastante e logora gli azzurri in difesa, che non tengono più il possesso e soffrono la costante necessità di coprire il campo per tutta la larghezza: al 35’ è di nuovo Koroibete a sfondare l’ultimo placcaggio incuneandosi su assist di Kerevi vicino all’out di destra, per la seconda marcatura pesante che porta a 14 i punti per i suoi dopo la trasformazione di To’omua.

L’ultimo possesso è azzurro e trova il fischio a favore del direttore di gara, con Allan a trovare la rimessa laterale poco dentro la linea dei 22: il lancio è ben controllato, ma sul tentativo a terra la difesa australiana è feroce e ruba palla spedendo le due squadre negli spogliatoi per il break prima della seconda frazione.

SECONDO TEMPO

Al rientro il copione rimane lo stesso: gli Azzurri soffrono difensivamente un avversario che aumenta in confidenza minuto dopo minuto, gestendo al meglio i tanti palloni giocati sull’asse Gordon-To’omua: passano 3’ e Gauziere interpreta non influente un velo sull’attacco profondo degli Aussies che sbalestra la cerniera azzurra, tre passaggi in dai-e-vai e Tupou fionda il suo abbondante quintale di muscoli oltre la linea di meta per la meta del 21 a 0 concessa dopo intervento del TMO per verificare la bontà del tocco a terra.

Al 45’ la risposta italiana è un’intuizione dell’idolo di casa, il padovano Bellini: l’ala azzurra monitora attentamente il suo corridoio e sul primo errore di handling degli avversari arpiona la palla volando lungo l’out in un’accelerazione  che non trova resistenze fino al tocco nei pressi dell’acca. Allan trasforma, e l’Italia accorcia sul 7 a 21.

C’è di nuovo fiducia tra Ghiraldini e compagni, che tolgono spazio agli avversari guadagnando un penalty all’altezza dei 40 metri, Allan cerca la rimessa laterale profonda ma la balistica è imprecisa e la palla resta in campo facendo sfumare la chance. Al 52’ l’attacco dei Wallabies è fermato dall’intercetto di Campagnaro, che ruba il tempo a Kerevi correndo per una decina di metri prima di lanciare i compagni con un calcio lungo: sullo sprint Benvenuti è però anticipato e l’azione sfuma. L’Italia resta però in attacco e al 56’ trova una punizione a favore che viene gestita con una rimessa laterale: sugli sviluppi l’Australia costruisce una buona opposizione, gli Azzurri non demordono e tentano l’assalto trovando la punizione a favore con relativo giallo fischiato a Sio per placcaggio pericoloso.

Sulla touche nel cuore dei 22 che ne consegue il lancio è però rubato, con replica al 63’, per la delusione di pubblico e panchina. Gli Azzurri insistono cercando la seconda meta a tutti i costi: Castello esce vincitore da un frontale sui 22, la fuga è recuperata in extremis e sul tentativo di off-load Campagnaro tocca male per l’in-avanti che fa mettere le mani nei capelli al centro degli Wasps.

Il momento è comunque azzurro: la mischia ordinata mette costantemente sotto quella avversaria, al 68’ Gauziere chiama un tenuto alto sulla penetrazione degli avanti, l’Italia mette pressione ma sulla sventagliata al largo Folau prende palla e vola, ma Bellini spende tutte le energie residue recuperandolo per il provvidenziale placcaggio da dietro che salva la situazione procurando però all’ala padovana un infortunio alla spalla che lo costringe all’uscita.

Ultimi minuti: superata la crisi l’Australia torna a giocare nella metà campo azzurra, Ashley-Cooper seziona la difesa con un cambio d’angolo che mette in controtempo la difesa italiana, poi impotente sull’avanzamento a terra che costruisce la base per lo spunto di Genia che vale la quarta marcatura, non trasformata, che fissa lo score definitivo sul 26 a 7.

Il Novembre dell’Italia proseguirà con il terzo dei tre Cattolica Test Match: sabato 24 Novembre alle ore 15 gli Azzurri ospiteranno gli All Blacks Campioni del Mondo allo Stadio Olimpico di Roma.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------

E' FINITAAAAAA PERDIAMO CON ONORE 7-26 sfiorando ripetutamente quella 2° meta per riaprire la contesa prima di subire l'ultima beffarda meta nel finale . PECCATO..PECCATO...PECCATO !!

Scappaaa Coper e poi meta Australia per la chiusura di Genia ..peccato O'Schea si sognerà a lungo questa ripresa in cui abbiamo davvero sfiorato l'impresa... per poi chiudere battuti 26-7 per adesso... poi To'Omua calcia ...e sbalia rimane 26-7. mancano 2 minuti alla fine

Non sfruttiamo ancora tante occasioni e adesso al 76° calcetto di Genia per una touche "aussie" ai 5 metri Italia una delle 2-3 occasioni nelle quali l'Australia entra nei nostri 22....

Esce lo stoico Bellini dentro Morise !!!!

70 erroraccio Stein che da palla al contropiede di Folau fermato da un Bellini indomito nella rincorsa difensiva poi un avanti "Aussie2 e ci salviamo in out MA CHE ALTRA OCCASIONISSIMA SBAGLIATA DAGLI AZZURRI !!!!!

68° 2 mischie azzurre ai 5 metri usciamo ribattuti adesso un altra mischia vicinissimi alla meta...si gira la mischia si ripete...molte le infrazioni non abbiamo ancora sfruttto l'uomo in più con l'uscita di Sio che rientra adesso 10 minuti senza poterla capitalizzare... adesso siamo 15 contro 15

63° SCAPPAVA VIA CASTELLO VENENDO RIPRESO A 3 METRI DALLA META.. POI UN OVALE PERSO E RIPRESO

Altre 2 in 2 minuti tra i cambi azzurri via Lovotti e Ghiraldini debtro Traore e Bigi

55° sbagliamo incredibilmnte 2 touche di seguito la prima brutta brutta ai 5 metri la 2° più indietro !!

Ghiraldini e carretto azzurro messo in out "di peso" brava la difesa australiana

56° calcetto azzurro per andare in meta..

50° Rubiamo un ovale proviamo il calcetto a seguire e veniamo fermati ai 5 metri da un "ispirata" di Gordon a salvare "capre e cavoli" australiani

Via  Ferrari dentro Pasquali; via anche Zanni dentro Fuser..

49° calcio da mettere in Touche di Allan completamente sbagliato rendiamo un ovale prezioso ai "canguri"...!!!

4° Adesso è l'Australia che sulle ali dell'immediata pigia ma INTERCETTIAMO E VOLIAMO IN METAAAAAA CON  BELLINI !!!!!!  21-5 e poi calciamo....con Allan....dentroooooo 21-7 abbiamo segnato la 1° meta BRAVI AZZURRI !!!!

2° Attacco perforante Australia con una "possibile meta Australia di Topua ma su Zanni ci potrebbe essere stato un "tenuto"  calcio di punizione Italia ma META ASSEGNATA AUSTRALIA E TRASFORMAZIONE facile di To Omua fatta: 21-0 Australia.."lungo conclave" poi meta assegnata...peccato !!!

RI-PARTITI

----------------------------------------------------------------------------------------------------------

Fine tempo con Tebaldi fermato ai 5 metri con gli "Aussie" che mettono l'vale fuori: pt 0-14

34° Altro "scalare" perfetto austrliano a destra con Coro Ibete a planare a terra per il 12-0 con altri 2 punti essi facilmente detro da To'Mua per il 14-0 Australia

30° errore Campagnaro se ne vanno in 2 meta in MEZZO AI PALI DI CORO AIBETE FACILMENTE TRASFORMATA DA TO'MUA: 7-0 Australia... peccato !!

Ben 9 fasi di attacco aussie con gli ospiti a scalare a destra con Campagnaro che ce lo intercetta  a pochi netri dalla nostra meta ..mischia è italiana  dobbiamo tenerla e scappare via; australiani fallosetti ce la risolvono  calcio Italia a allontanare la minaccia ancora 0-0 al 28°

Touches storta pro Australia sanzionata.. mischia Italia Castello a percuotere..

Ci ributtiamo in attacco: 3° fase scappiamo con Tebaldi a sinistra fermati poi cediamo a terra, nei 5 australiani  calcio liberatorio "Aussie"

17° Contr'attacco Australia con lotta a destra nei nostri 5 metri poi un avanti "vallabies" a centro dei pali: Mischia azzurra ai nostri 5 metri mischia crollata 2° mischia e prendiamo un calcio di punizione al 18° è ancora 0-0

16 Touche azzurra e META di Tebaldi annullata però per un fuorigioco !!!!

14° recuperiamo l'ovale poi calcio liberatorio in out Australia  touche azzurra a metà campo....

11° calcio punizione Australia  di Tomua...ovale che non centra i pali vento contrario trasversale che aiuta gli azzurri.

9° Touche Australia a destra nella nostra metà campo...

8° placcaggio azzurro " al collo" calcio liberatorio Australia risolvendogli il problemino difensivi

7° Howard parte rompe il blocco poi calcetto a seguire e tentativo di meta con decisione del TMO ...ma la giocata è giudicata fuori...touche Australia, ma Italia vicinissima alla meta !!!

4° partenza a sinistra di Sio ovale  in out ..touche Italia...

1° Primo attacco Italia  azzurri da sinisatra a destra.. 3 fase di attacco...Uppenander preso dagli azzurri  ai 40 metri...4° fase...poi recuperato l'ovale dagli "aussie" con intercetto di Campagnaro

 

ITALIA
15 Jayden HAYWARD (Benetton Rugby)
14 Tommaso BENVENUTI (Benetton Rugby)
13 Michele CAMPAGNARO (Wasps)
12 Tommaso CASTELLO (Zebre Rugby Club)
11 Mattia BELLINI (Zebre Rugby Club)
10 Tommaso ALLAN (Benetton Rugby)
9 Tito TEBALDI (Benetton Rugby)
8 Abraham Jurgens STEYN (Benetton Rugby)
7 Jake POLLEDRI (Gloucester Rugby)
6 Sebastian NEGRI (Benetton Rugby)
5 Dean BUDD (Benetton Rugby)
4 Alessandro ZANNI (Benetton Rugby)
3 Simone FERRARI (Benetton Rugby)
2 Leonardo GHIRALDINI (Stade Toulousain) – capitano
1 Andrea LOVOTTI (Zebre Rugby Club)

Commissario tecnico Conor O’Shea

A disposizione
16 Luca BIGI (Benetton Rugby)
17 Cherif TRAORE’ (Benetton Rugby)
18 Tiziano PASQUALI (Benetton Rugby)
19 Marco FUSER (Benetton Rugby)
20 Johan MEYER (Zebre Rugby Club)
21 Guglielmo PALAZZANI (Zebre Rugby Club)
22 Carlo CANNA (Zebre Rugby Club)
23 Luca MORISI (Benetton Rugby)

 

AUSTRALIA
15 Israel FOLAU 71 caps
14 Adam ASHLEY-COOPER 116 caps
13 Samu KEREVI 23 caps
12 Bernard FOLEY 66 caps
11 Jordan PETAIA esordiente
10 Matt TO’OMUA 40 caps
9 Jake GORDON esordiente
8 David POCOCK 76 caps
7 Michael HOOPER 89 caps – capitano
6 Jack DEMPSEY 8 caps
5 Adam COLEMAN 29 caps
4 Izack RODDA 15 caps
3 Taniela TUPOU 10 caps
2 Folau FAINGA’A 6 caps
1 Scott SIO 53 caps

Commissario tecnico Micheal Cheika

A disposizione
16 Tatafu POLOTA-NAU 87 caps
17 Jermaine AINSLEY 1 cap
18 Sekope KEPU 101 caps
19 Rory ARNOLD 19 caps
20 Pete SAMU 7 caps
21 Will GENIA 98 caps
22 Kurtley BEALE 82 caps
23 Dane HAYLETT-PETTY 29 caps

Ultimo aggiornamento Sabato 17 Novembre 2018 21:58
 
Copyright © 2018 FirenzeViolaSuperSport. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
 

Facebook

Segui FirenzeViolaSupersport
su Facebook.

Editoriale

di Stefano Ballerini

L'Isola d'Elba nel dramma :

Ci ha lasciato Fabio Bardelloni

CI HA LASCIATO FABIO BARDELLONI  ELBA 97 CALCIO A 5.

CIAO FABIO CI MANCHERAI..!!! TI PENSEREMO E RICORDEREMO SEMPRE GIOCANDO E VIVENDO GIORNI TREMENDI SENZA DI TE NEL TUO RICORDO PERENNE.

di Stefano Ballerini

Portoferraio- Martedi 1° Maggio ora di pranzo...

doveva essere un giorno di festa dove alfine

del pomeriggio ci si sarebbe dovuti ritrovare

a San Giovanni per dare inizio alla "settimana

decisiva" in casa Elba 97. Sabato era in

programma ( era...)  gara 1 del Play Out tra

Elba 97, la tua Elba 97 e Bergamo.

Invece caro Fabio tutta l'Elba sgomenta

apprendecome una freccia al cuore che

Te ci hai appena lasciati...!!

Quella svolta a destra da Valle di Lazzaro

verso Procchiodopo essere andato a trovare

la tua fidanzatina. Piove,una pioggerellina

uggiosa la prima da 20 giorni a questa

parte; in sella alla sua moto "Motard 125

intraprendevi  una strada bagnata viscida

"quasi saponata", un asfalto usurato, 13

chilometri da percorrere con attenzione

massima...E invece una sbandata, un attimo

di disattenzione ( le prime ipotesi al vaglio

dei Carabinieri di Portoferraio), una caduta

rovinosa, drammatica, "definitiva". Fabio

Bardelloni ci lascia così in una maniera

inaspettatamente drammatica. 17 anni

speranza dello sport portoferraiese con la

"sua/nostra Elba 97 Calcio a 5 nelle  cui fila

da Allievo, quest'anno facendo autentici passi

da gigante arriva a giocare in Serie B ,

conquistandosi al pari dell'amico Ivan Gatto,

la convocazione nella Selezione Regionale

Allievi con "meta" verso l'inclusione nei 13

convocati finali per il Torneo delle Regioni che

conquistavi  sorretto dallo sforzo di tutti Noi

delegati ad accompagnarvi settimanalmente

tra Montecatini Poggibonsi, Firenze, soffredo,

( con quell'infortunio all'alluce che poteva

anche impedirti di vivere questa importante

esperienza) ma guadagnandosi la stima dei

tecnici della Selezione. Era appena tornato da

Perugia dove aveva disputato le 3 partite

segnando anche un gol con i 2 realizzati da

Ivan Gatto.

Adesso a 5 giorni dalla prima delle 2 partite che

da sole varrebbero una stagione intera, questa

immane tragedia, che pone ovviamente tutto in

secondo piano; Fabione mi ero affezzionato a Te

ed a Ivan; se non c'era l'appuntamento alla

trasferta infrasettimanale, quasi ci stavo male,

mi mancava "un qualcosa". Ti/vi avevo portato

Io a Coverciano per salire sul Pullman per Perugia

fiero assieme a tutta l'Elba 97 di avervi "caricato"

ben 2 nostri tesserati.  E Voi ci avete dato

dimostrazione di meritarvi quelle attenzioni: 2 gol

di Ivan un gol tuo, si inutili alfine della classifica

finale, ma importanti per il morale ed il blasone

societario che delle 3 Api elbane: Avere 2 nostri

ragazzi nella massima competizione nazionale

Allievi vederli anche andare in gol, aveva significato

tanto...tantissimo. Adesso però il "fato" ha appena

tirato il "suo rigo fatale"; quella svolta a destra,

quel rettilineo, questo schianto...e TE CI LASCI

COSI' ATTONITI DISPERATI.

Fabio rimarrai sempre nei nostri ricordifaremo

tutto nel tuo ricordo; siamo vicini ai tuoi Genitori

a tua sorella alla tua fidanzatina. Se ci sarà da

fare qualcosa Io ci sarò sempre.

Te dall'alto proteggici, guidaci, "dacci un segno";

Noi ti penseremo sempre.

Non vale però lasciarci così, in un 1° Maggio 2018

di festa tramutatasi in immane tragedia.

CIAO FABIONE TI RICORDO..TI RICORDIAMO

COSI'... UN BACIO !!!!. STEFANO

Firenze- Altra "immane perdita" nel mondo sportivo fiorentino"

PURTROPPO  CI HA LASCIATO CHIARA BAGLIONI

Alcune belle immagini di Chiara Baglioni.

Marina di Campo- Alzatomi per controllare

posta e facebook sono rimasto "di sasso":

apprendo che nella notte ci ha lasciato la

mia amica Chiara Baglioni . E' una

"Maledetta Primavera": prima Davide Astori,

poi Emiliano Mondonico, adesso Chiara

Baglioni.

Ma che sta succedendo, perchè "tutte a noi" ??.

Sapevo che aveva avuto un problema,

ma non avevo notizie da qualche tempo,

oltretutto sono più all'Elba che a Firenze.

L'ultimo ricordo di Chiara era a Moena,

Lei sempre carina, affabile gentile brava

perfetta sul lavoro; ci hanno unito tantissime

partite sia della Primavera che della Viola; per

qualche tempo avevo collaborato con Saverio

Pestuggia a Fisport ( alla Redazione di

ViolaNews.com le nostre più sentite

Condoglianze) per cui ci vedevamo e ci

sentivamo spesso. Adesso rimane solo il

grandissimo ricordo la stravolgente tristezza

per non averla più con Noi tutti; Niente sarà

come prima. Personalmente da oggi tutto

quelo che farà la Mia Redazione di Firenze

ViolaSupersport/FirenzeViolaSuperSportLive.com

ed Elbasport.com sarà dedicato a Lei.

Alla sua Famiglia, le nostre più sentite

Condoglianze; ci stringiamo a Voi nel caro

struggente ricordo di Chiara RIP

Stefano Ballerini, Paolo Caselli, Fabio Fallai,

Alessandro Coppini, Giacomo Morini e

rispettive Famiglie .

D'ORA IN POI TUTTO IN MEMORIA DI NICCOLO'

D'ora in poi tutto il nostro lavoro sarà legato

anche al ricordo di Niccolò Ciatti ( RIP)

----------------------------------------------------------

LA MEGA BUGIA DI NARDELLA: 1461 giorni !!

Ad oggi dal famoso 19 Luglio 2014 di Nardella

a Moena:" Oggi siamo arrivati alla data più

vicina all'apposizione della 1° pietra del

nuovo Stadio dei Della Valle alla Mercafir;

mancano 300 giorni 210 di carte dei

Geometri e 90 legali". Da li ad oggi sono

passati 1461 giorni, siamo passati per

una riunione di amici in Palazzo Vecchio

per la presentazione dell'ennesimo plastico

di uno Stadio che LI NON SORGERA' MAI

con la Banca Unipol da ME MANDATA IN

DIRETTA SU RADIO FIESOLE 2 giorni

prima :" Siamo molto incazzati...tutti

parlano dei nostri terreni di Castello; ma

nessuno mai ce li ha chiesti; alla Mercafir

NON LI DAREMO MAI". Postilla...La Mercafir

rimarrà alla Mercafir perlomeno per altri 9

anni; quei terreni di castello per fare il

trasloco non ci sono piu'; li ha comprati

Firenze Aeroporti Medicei per i nuovi

parcheggi dell'Aeroporto. Faremo

l'Aereoporto e dall'"attacco-stacco" della

nuova pista dientro la Caserma dei

Carabinieri per un raggio di 10 chilometri

non ci potrà essere ne la Mercafir stessa

NE TANTOMENO UNO STADIO:

DEREGULATION AVIAZIONE CIVILE . CIT !!!!

Le  3 stecche dello Stadio "secondo" Nardella

( ad oggi Giovedi  Giugno 19 Luglio 2018 dal 19

Luglio 2014 a Moena sono 1461 ) e quella secondo

Mario Cognigni sono 725

LA NUOVA "CONTRO STECCA" DELLO

STADIO "FANTASMA" DEI DELLA VALLE:

Dopo l'amichevole "contraddittorio con Mario

Cognigni a Moena "volendo" seguire il "

ragionamento viola iniziammo a tenere la

"contro-stecca dello Stadio:

il 23 Luglio  2016 iniziava il nostro nuovo

conteggio:

Sono passati 725  giorni.... Proseguiremo.

LA 3° STECCA DEL "FANTOMATICO STADIO

DEI DELLA VALLE ...E DI NARDELLA

Adesso  iniziamo a tenere la 3° Stecca del Nuovo

Stadio "sempre più fantasma " dei Della Valle.

DA VENERDI 10 CON LA NUOVA PROMESSA FATTA

DA NARDELLA: 2019 1° Pietra del nuovo Stadio

Conteggio : da Venerdi 10 Marzo ad Oggi Giovedi

19 Giugno 2018 sono 496  giorni.

Siamo ansiosi di vedere dove andremo a finire.

Intanto stiamo lavorando sul fronte BANCA UNIPOL

attendendo un documento dall'ufficio che sta

gestendo l'annosa questione dei terreni della

Mercafir.

In più a breve abbiamo gia avuto un incontro con

l'"Entourage" della Presidenza degli Aeroporti

Toscana  Medicei Firenze e Pisa per dare il la alla

programmazione del progetto costruzione della

nuova Pista "parallela "all'autostrada di circa

3000 metri da Castello al Polo di Sesto Fiorentino.

Su quella "linea..cono" di ingresso o di decollo

secondo la "Deregulation" dell'Aviazione Civile non

ci possono essere impianti sportivi ne tantomeno

Stadi.

Se "tanto mi da tanto" credo che a documento

ricevuto se  sarà quello che dico Io sarò costretto

ad alzarmi ed a dare lettura pubblica di tutt'altra

verità. In Palazzo Vecchio .........

NON ME L'HANNO LASCIATA CHIEDERE ...

AVEVANO UNA PAURA MATTA TUTTI QUANTI

------------------------------------------------------------

LA "MEGA BUGIA DI NARDELLA IN ATTO DAL 19

LUGLIO 2014 A MOENA...300 giorni divenuti ad

oggi 7 Maggio  2018 : 1461 !!!! MEGA BUGIA !!

Il Sindaco di Firenze Dario Nardella quel giorno

salito a Moena "ci " annunciava: Ad oggi mancano

210 giorni + 90 per apporre il primo mattone del

nuovo Stadio di Firenze" ...!!! ( Pinocchio...one !!)

Da quel  discorso di Dario Nardella a Moena

del 19 Luglio 2014 sono passati ad oggi 19 Luglio

2018  4 anni esatti  2018 1461   giorni.!!!

E noi continueremo a tenere aggiornata la

"nostra stecca"

Stefano Ballerini e la sua Redazione.

 

E parallelamente apriamo la "contro stecca" del 3°

progetto dei Della Valle . Il 23 Luglio 2016  mi

sono permesso di mettermi " a tu per tu" con il

Presidente Operativo Mario Cognigni, mettendolo

sul "chi va là" dalle tante promesse finora

andate vane di Nardella.

I Della Valle asseriscono sicuri che lo Stadio

si farà li dove Nardella "asserirebbe": alla

Mercafir laddove però secondo noi e secondo

molti egli addetti ai lavori non si farà mai o se

"si farà" non prima di 6-7 anni.

Allora la stecca è partita: 23 Luglio 2016-19

Luglio 2018  fanno 725 giorni ogni giorno

l'aggiorneremo e vediamo dove andremo a

finire.

Da quell' incredibile 10 marzo in Palazzo

Vecchio ad oggi 19 Febbraio 2018 sono

496.... E NOI CONTINUIAMO...!!!

ma intanto al Sindaco Nardella,

all'Assessorato allo Sport vada il

più "FERVIDO"....VERGOGNATEVI

ASSOLUTAMENTE TUTTI  !!

Lo Stadio alla Mercafir NON SI FARA' MAI

STAMPATEVELO NEL CERVELLO

...SE CE L'AVETE !!!!