Home CALCIO Fiorentina Calcio Calcio: Viola di male in peggio ..2° stop al Franchi..2° consecutivo : Fiorentina Roma 2-4

Ultime notizie

Bed And Breakfast

cover.jpg
 
logo_err.jpg
Calcio: Viola di male in peggio ..2° stop al Franchi..2° consecutivo : Fiorentina Roma 2-4 PDF Stampa E-mail
Scritto da Di Paolo Caselli,Alessandro Coppini;Stefano Ballerini Servizio fotografico di Giacomo Morini   
Domenica 05 Novembre 2017 18:13

FIRENZE STADIO " ARTEMIO FRANCHI"

2° stop al Franchi il 2° consecutivo ..di male in peggio..

Si fa segnare sempre quelli che non hanno mai segnato e che non segneranno mai più Gerson ( 2!!!!)  e Manolas

FIORENTINA- ROMA 2-4 Gerson 2, Veretout, Simeone, Manolas, Perotti

Di Paolo Caselli

FORMAZIONI

FIORENTINA

FIORENTINA: Sportiello, Biraghi, Astori, Pezzella, Gaspar, Badelj (dal 28' Sanchez), Veretout, Benassi, Chiesa( dal 74' Babacar), Gil Dias ( dal 82' Eysseric), Simeone.

A disposizione Dragowski,  Cerofolini,  Milenkovic,  Vitor Hugo, Cristoforo, Sanchez, Eysseric,  Saponara, Zekhnini, Lo Faso,Babacar.

Allenatore Stefano Pioli

ROMA

Alisson, Florenzi, Manolas, Fazio, Kolarov, Pellegrini ( dal 71' Strootman) Gonalons, Nainggolan, Gerson ( dal 82' Defrel) Dzeko, El Shaarawy (dal 20' Perotti)

A disposizione Skorupski, Lobont, Juan Jesus, Moreno, Castan, Emerson Palmieri, Strootman, De Rossi, Perotti, Under, Defrel.

All.: Eusebio Di Francesco.

Arbitro Marco Di Bello di Brindisi

 

Ammoniti Pezzella (F), Gonalons (R)

Pioggia, terreno in buone condizioni nonostante la pioggia abbondante delle ultime ore.

Spettatori 23000, da Roma 2300 tifosi.

Fiorentina in completo viola, Roma in completo bianco con risvolti giallorossi.

In " Curva Fiesole" protesta di 5' contro le sanzioni prese in considerazione di striscioni apparsi in precedenti occasioni.

Roma squadra di altra cilindrata per una Fiorentina, brava a rimanere in partita, di piu', francamente con questi giocatori e' chiedere troppo.

IL PUNTO (e qualche virgola...)
Analisi semiseria delle cose viola di Alessandro Coppini QUANDO UN UOMO CON LA PISTOLA INCONTRA UN UOMO COL FUCILE...

“.....l’uomo con la pistola è un uomo morto” sibila un vendicativo Clint Eastwood ad un impaurito Gian Maria Volontè nella frase cult di “Per un pugno di dollari”. Nel film la regola trova la sua eccezione, ma in genere chi ha più mezzi primeggia. La Roma di oggi è troppo superiore alla Fiorentina per aspettarsi un risultato finale diverso dal 4 a 2 finale per i giallorossi. In realtà i viola hanno tenuto testa agli avversari per tutto il primo tempo, quando hanno subito due goal in fotocopia (evanescente Biraghi nell’opporsi a Gerson, che naturalmente segna i suoi primi goal italiani a Firenze) ma hanno reagito prima con l’unico vero combattente della truppa (Veretout) e poi con quello che sta diventando un marchio di fabbrica di Simeone, il colpo di testa rubando il tempo all’avversario e piazzando la palla sul palo opposto. Anzi potrebbero chiudere in vantaggio i gigliati, perché proprio sul finire della prima frazione di gioco, Chiesa colpisce la traversa, sbagliando forse a non servire Simeone solo al centro dell’area. Ma nella ripresa il nuovo vantaggio giallorosso (troppo fermi gli undici viola sul calcio d’angolo e fortunata la deviazione involontaria di spalla di Manolas) paralizza i giocatori di Pioli, che non rientrano più in partita e subiscono addirittura il poker. Fatto sta che si sono scontrate alcune debolezze individuali con la forza di un collettivo impressionante. Biraghi non difende efficacemente e la sua qualità migliore sembra il cross (suo l’assist a Simeone). Sportiello sembra rassegnato sui due piazzati di Gerson, e Badelj ha una giornata pessima. Per il resto c’è poco da rimproverare ad una squadra che ci mette tutto quello che ha. Chiesa si spolmona e infatti esce per esaurimento di forze, Veretout è un combattente, Gil Dias ha buone giocate anche se sbaglia il 3 a 3, Gaspar è la sorpresa di giornata ed è molto efficace marcando a uomo El Sharawy. Ma dall’altra parte c’è una superiorità evidente anche (se non soprattutto) dal punto di vista fisico, con tutti i giallorossi che arrivano prima degli avversari, e con un Naingolan ed un Kolarov mostruosi. Se poi si pensa che la Roma nella ripresa mette dentro i “panchinari” Strootman, Defrel e Perotti, mantenendo tra le “riseve” De Rossi, i discorsi finiscono qui. Dopo il quarto goal giallorosso, un tifoso viola per tirarsi su il morale, e imitando più o meno volontariamente l’Igor di “Frankestein Junior”, dice che “potrebbe andare peggio...potrebbe piovere...”. Dopo 30 secondi l’acqua, che aveva dato una tregua per una ventina di minuti, riprende a scendere a catinelle, il pubblico sfolla, e i giocatori viola assomigliano sempre più a pulcini bagnati....

 

Il Film della gara a cura di Giacomo Morini

 

Fiorentina-Roma 2-4: io l’ho vista così (Loro più forti in campo e in panchina, ma Pioli non c’entra)

Scritto da: Francesco Matteini

Firenze- Dalla fiera del gol la Fiorentina torna senza neanche un punticino. Tutto come previsto, per quanto riguarda il risultato. La Roma è troppo più forte in campo e ‘troppissimo’ più forte in panchina. Per loro entra Perotti, per noi Sanchez. Come mangiare in un ristorante stellato o alla mensa aziendale. Hai voglia ad essere di bocca buona, la differenza si sente. Però i viola hanno almeno venduto cara la pelle. Nessuno finora era riuscito a segnare un gol alla Roma in trasferta, stavolta ne hanno presi due. Certo, è una magra consolazione, che però denota una reazione. L’atteggiamento svagato di Crotone è stato subito riposto nello sgabuzzo dei brutti   ricordi. La grinta è tornata a galla, ma se dall’altra parte c’è Nainggolan anche un ringhio viene trasformato in un guaito.

Sportiello 5 – Plurimpallinato dalla Roma. Del secondo gol neanche si accorge, come un’iniezione con Pic: già fattoooo?

Gaspar 5 – Non prende neanche una boccata d’aria oltre la metà campo. Cancella El Shaarawy dal campo e continua a marcarlo anche quando va in panchina lasciando via libera a Perotti.

Pezzella 6 – Controlla Dzeko senza indulgere in ricami: quando c’è da spazzare non se lo fa ripetere.

Astori 5 – La lucidità completamente persa a Crotone è ancora da recuperare come il senno dell’Orlando furioso finito sulla Luna.

Biraghi 4 – Può bastare un cross-assist per la sufficienza? No. Trasforma un Gerson qualsiasi in quello che trionfò nel Brasile campione del mondo nel 1970. Scruta Manolas che segna di spalla. Sempre in ritardo o fuori posizione.

Badelj 5 – Tre quarti della responsabilità del primo gol giallorosso è sua. Perde palla cincischiando inutilmente e spiazzando i compagni. Soffre il gioco sprint degli avversari e anche dei compagni.

Veretout 6,5 – Puntuale nell’inserimento e preciso nel tocco per il suo primo gol su azione. Recupera palloni e scodella qualche lancio da regista.

Benassi 5,5 – Lavoro oscuro di pressing e contrasto anche se arginare la prepotenza di Nainggolan è mission impossible. Scarso contributo alla fase d’attacco.

Dias 5 – Assist perfetto per Veretout, fine delle note positive. Spesso anticipato, fisicamente messo sotto. I suoi tiri tracciano parabole insidiose quanto i bouquet lanciati dalle spose novelle.

Chiesa 5,5 – Appena si presenta una mezza occasione tira in porta, forse anche troppo. Dopo la traversa di Crotone stavolta ci si mette il palo tra lui e il gol.

Simeone 6 – Manolas gli toglie l’aria e gli allunga il passo. Alla prima distrazione del difensore si vendica con un colpo di testa magistrale, ma non concede bis.

Sanchez 5 – Gli altri corrono con la lingua di fuori, lui passeggia come un pensionato al parco, gli manca solo il cane al guinzaglio.

Babacar 6 – Arduo togliere le castagne dal fuoco in una gara così: ci prova senza successo.

Eysseric sv

Pioli 6 – I valori in campo della Roma sono tremendamente superiori a quelli della Fiorentina. Quelli in panchina ancora di più. La gara sembra nen preparata per tattica e atteggiamento della squadra. Gli svarioni dei singoli fanno la differenza.

Arbitro Di Bello & C. 6 – Difficoltà zero, problemi zero, errori gravi zero.

Commento Sky Di Marzio 6,5 – In sintonia col ritmo di una gara spettacolare. Onofri 5“Gil Dias è una spina nel fianco della Roma”: come no! E’ più credibile la storia delle scie chimiche.

Finisce qui senza ulteriori possibili emozioni. Per la Roma 13° vittoria consecutiva esterna( Record dei Tecord) per la Fiorentina 2° sconfitta interna al Franchi e 2° di seguito dopo Crotone: di male in ...peggio !!!

87' Gol Roma, rubata palla a Veretout sulla trequarti, palla servita a Perotti che entra in area da sinistra e scarica in porta.

Nell' azione di Kolarov sulla sinistra, tutto lo strapotere fisico e tecnico della Roma, Fiorentina leggera, ai suoi massimi livelli, poco per le grandi.

Fase caotica della gara, la Roma pare attenta e pronta a sfruttare le fasce, dove Florenzi adesso ha di fronte Babacar.

L' uscita di Chiesa per Babacar porta la Fiorentina a giocare a due punte, certo con Chiesa si perde dinamismo e cerniera tra i reparti.

La Fiorentina prova a proporsi in avanti, la Roma aspetta il contropiede per chiuderla.

Tante occasioni nate da palle perse sulla trequarti.

Ma in difesa la Roma lascia a desiderare, se vuol portare via i tre punti da Firenze, la deve chiudere, mentre la Fiorentina deve continuare nel suo gioco veloce sulle fasce.

Pressing giallorossi sui portatori di palla, la Roma non vuol ripetere gli errori del Primo Tempo.

Fiorentina- Roma 2-3

49' Gol Roma, angolo da destra, la "spizza" Dzeko, palla che rimbalza addosso a Mano ad e fortunatamente premia il difensore romanista.

Roma riparte come era partita ad inizio gara, Di Francesco, vuole assolutamente la vittoria!

Secondo Tempo

Adesso l' inerzia è tutta per la Fiorentina, la sua velocità mette in crisi una Roma che appare compassata, superficiale quasi, specialmente nei due centrocampisti, Pellegrini e Gonalons.

Fiorentina- Roma 2-2

39' GOOOOL FIORENTINA, cross di Biraghi, Simeone " brucia" Fazio e batte di testa Allison alla sua destra.

Bella gara perché le due squadre hanno modi diversi di interpretare il calcio.

La Roma pressando alta po' lasciare spazi per le volate di Chiesa o Gol Dias, ma e' la squadra di Di Francesco a gestire la gara.

Fiorentina che si po' rendere pericolosa soltanto con errori romanisti, Veretout e Chiesa vicini al pari con tiri susseguenti ad errori dei centrali giallorossi.

Fiorentina- Roma 1-2

30'  Gol Roma, Simeone sbaglia il controllo davanti ad Allison, El Shaarawy serve ancora Besson che " fredda" Sportiello da destra sul primo palo.

Roma da grande squadra, pressa, riparte e con Kolarov regista di fascia, trova soluzioni che trovano El Shaarawy,  Pellegrini, la testa di Dzeko, e centrocampisti pronti al tiro.

Nelle ultime due azioni lo specchio della partita, Roma potente, padrona del campo, Dzeko decisivo come pivot, Fiorentina che riparte dalle fasce innescate soprattutto da Benassi.

Roma aggressiva sui portatori di palla viola, Fiorentina leggera tende a lanciare il pallone, ma ne' nel gioco aereo, ne' in velocità i viola si fanno preferire ai loro avversari.

Il gioco tra le linee degli avanti della Roma, po' essere la chiave per creare problemi alla difesa viola.

Aumenta la forza della pioggia, il campo tiene bene per ora.

Partita aperta, Roma fa densità nel centrocampo viola, la Fiorentina riparte dalle ali con la velocità di Chiesa e Gil Dias.

Questo di Veretout è il primo gol subito dalla Roma in trasferta, per la Fiorentina il ventunesimo consecutivo in casa.

Fiorentina- Roma 1-1

9' GOOOOOL FIORENTINA, Gil Dias supera Kolarov, pallone largo per Veretout, che batte Allison con un sinistro preciso.

La fisicità, la corsa, il maggior tasso tecnico romanista hanno determinato questo avvio veemente della squadra di Di Francesco..

Fiorentina - Roma 0-1

5'Gol Roma, Badelj perde un pallone sanguinoso, Naingolan serve El Shaarawy  che proprio da posizione centrale serve Besson a destra, Biraghi chiude in ritardo

Dzeko tende ad allargarsi per favorire gli inserimenti, soprattutto in zona tiro di El Shaarawy.

Roma che inizia la partita all' attacco, Fiorentina che prova con lanci lunghi di saltare il centrocampo giallorossi.

Gil Dias parte a destra con Chiesa a sinistra.

Fiorentina che attacca da sinistra verso destra, Sportiello inizia la partita sotto la " Fiesole".

Primo Tempo

Ultimo aggiornamento Lunedì 06 Novembre 2017 13:36
 
Copyright © 2017 FirenzeViolaSuperSport. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
 

Facebook

Segui FirenzeViolaSupersport
su Facebook.

Editoriale

di Stefano Ballerini

D'ORA IN POI TUTTO IN MEMORIA DI NICCOLO'

D'ora in poi tutto il nostro lavoro sarà legato

anche al ricordo di Niccolò Ciatti ( RIP)

----------------------------------------------------------

LA MEGA BUGIA DI NARDELLA: 2094 giorni !!

Il perenne ricordo di Pier Cesare Vita e le

3 stecche dello Stadio "secondo" Nardella

( oggi Giovedi    9 Novembre  Ottobre  2017

sono 2139 )  e secondo Mario Cognigni

LA NUOVA "CONTRO STECCA" DELLO

STADIO "FANTASMA" DEI DELLA VALLE:

Dopo l'amichevole "contraddittorio con Mario

Cognigni a Moena "volendo" seguire il "

ragionamento viola iniziammo a tenere la

"contro-stecca dello Stadio:

il 23 Luglio  2016 iniziava il nostro nuovo conteggio:

Sono passati 466  giorni.... Proseguiremo.

LA 3° STECCA DEL "FANTOMATICO STADIO

DEI DELLA VALLE ...E DI NARDELLA

Adesso  iniziamo a tenere la 3° Stecca del Nuovo

Stadio "sempre più fantasma " dei Della Valle.

DA VENERDI 10 CON LA NUOVA PROMESSA FATTA

DA NARDELLA: 2019 1° Pietra del nuovo Stadio

Conteggio : da Venerdi 10 Marzo

ad Oggi Giovedi 14 Settembre   sono 265  giorni.

Siamo ansiosi di vedere dove andremo a finire.

Intanto stiamo lavorando sul fronte BANCA UNIPOL

attendendo un documento dall'ufficio che sta

gestendo l'annosa questione dei terreni della

Mercafir.

In più a breve avremo un incontro con

l'"Entourage" della Presidenza degli Aeroporti

Toscana  Medicei Firenze e Pisa per dare il la alla

programmazione del progetto costruzione della

nuova Pista "parallela "all'autostrada di circa

3000 metri da Castello al Polo di Sesto Fiorentino.

Su quella "linea..cono" di ingresso o di decollo

secondo la "Deregulation" dell'Aviazione Civile non

ci possono essere impianti sportivi ne tantomeno

Stadi.

Se "tanto mi da tanto" credo che a documento

ricevuto se  sarà quello che dico Io sarò costretto

ad alzarmi ed a dare lettura pubblica di tutt'altra

verità. In Palazzo Vecchio .........

NON ME L'HANNO LASCIATA CHIEDERE ...

AVEVANO UNA PAURA MATTA TUTTI QUANTI

------------------------------------------------------------

IL RICORDO DI CESARE VITA

Giorno dopo giorno ricordiamo sempre Cesare

PIER PAOLO "CESARE" VITA PRESIDENTE

DELLA FIORENTINA BASEBALL, CI GUARDA

E CI GUIDA DALL'ALTO.

La "sua/nostra" Fiorentina Baseball è arrivata

a vele spiegate in A Federale come desideravi TE

"Cesare"  ci manchi sempre tantissimo

Vive in tutti Noi ancora il suo ricordo
il "Pool Firenze Viola Supersport-La Casa

degli Sport Fiorentini /Radio Blù

ricorda sempre….il “nostro” Presidente

PIER CESARE VITA PRESIDENTE DELLA

FIORENTINA BASEBALL DA LASSU’ CI STA

INDICANDO SEMPRE LA STRADA MAESTRA

DA PERCORRERE SIA CON LA “SUA -NOSTRA”

FIORENTINA BASEBALL CHE COME TE

DESIDERAVI E' STATA PROMOSSA IN A/

FEDERALE ED E' AL 2°TURNO DI COPPA ITALIA

DOPO AVER ASSISTITO ALLO "SCIPPO" DELLA

GARA 2 A IMOLA CHE INSIEME AL "FATTACCIO"

DELLA PARTITA DATA VINTA A CASTENASO A

BOLOGNA, CI E' COSTATA LA ELIMINAZIONE DAI

PLAY OFF , VA DETTO ANCHE PER "COLPA NOSTRA"

AVENDO BUTTATO "ALLE ORTICHE" GARA 1 CON

CASTENASO PERDENDOLA DAL NOSTRO 5-1 al ...

LORO 11-5 ( OLTRE CHE ALLE 2 SCONFITTE

BRUTTE INTERNE CON GODO ) CHE DELLA NOSTRA

CASA DEGLI SPORT

FIORENTINI


Firenze- Se Firenze Viola Supersport prosegue a

portare fortuna alle nostre 10/12 Società,

nell’innovativo importantissimo progetto di aver

creato la Casa degli Sport Fiorentini, lo deve

all' incontro che ebbi con Lui in un pomeriggio

di 5 mesi fa nelle “sue nuove stanze ”: l’impianto

di riscaldamento di San Marcellino.

Mi disse:" Stefano, vieni a vedere la mia nuova

casa... e mi portò nel "cuore pulsante"dell'Impian-

to di San Marcellino che aveva avuto in gestione.

Qualche giorno più tardi, avviato quel progetto,

dopola presentazione ufficiale avvenuta il 29

Febbraio 2016 al Circolo del Tennis con Lui

ancora tra tutti Noi, la piùt ragica delle notizie

mi arrivava alle 21.30: un messaggio dalla

Presidenza della Florentia Nuoto Club mi

avvertiva della tragica scomparsa di uno "dei

Miei Presidenti più amati della mia storia

giornalistica: Pier Cesare Vita Presidente della

Fiorentina Baseball.

Disperato ed incredulo telefonavo a Marco

Duimovichche dall'altra parte dell'"etere" mi

confermava tutto...purtroppo..vero !!

Lo avevo sentito due giorni prima, avevamo un

appuntamento il sabato successivo al rientro

dallamontagna..quella montagna maledetta che

se lo è portato via per sempre per parlare

dell' organizzazione di un prestigioso Torneo di

Baseball a Firenze nel novero delle prossime

iniziative della "Casa degli Sport Fiorentini"

il nuovo progetto sportivo-radiofonico partito

su Radio Blù a cura della Redazione di Firenze

Viola Supersport.

Mi aveva informato di essere a sciare

( gli avevo detto...beato te ...)

ci vediamo a Firenze sabato mattina in sede

e poi saremmo andati insieme a Lastra a Signa

a vedere la prima uscita della "sua"

Fiorentina Baseball nuova di zecca pronta a

vincere il campionato di Serie B grazie alla sua

"faraonica campagna acquisti " con Firenze

Viola Supersport a "griffare" le divise del team di

Manager Marco Duimovich. INVECE PURTROPPO…

NIENTE DI NIENTE DI TUTTO CIO’.


Pier Cesare non era solamente oltre che valente

architetto oltre che Presidente della Fiorentina

Baseball; era un AMICO con la A maiuscola;

Con lui, al suo fianco ho avuto il piacere di

passare tantissimi anni sia come Addetto Stampa

che Speaker dello Stadio del Baseball.

La mia storia di Giornalista sportivo nacque

appunto come "erede" del grande Vittorio Betti

come voce del 1° Stadio del Baseball ancora

in "tubi Innocenti al tempo del mitico trio:

Valente Prisco Croce  con quell'interminabile

partita Fiorentina Mobilcasa-Europhon Milano

3-2 iniziata alle 20.30 e finita alle 3 di mattino

con una "mitica quadrupla rubata

col punto a casa di Valente. Di seguito seguii

la Fiorentina Baseball per tanti anni sulla

Gazzetta di Firenze e con il suo

avvento al timone della Società biancorossa

intraprendemmo il 1° progetto Fiorentina

Baseball sul Corriere di Firenze seguendo

la squadra per un campionato intero all'ultimo

anno di A2.

Paginate di Baseball, Softball, Andrea Osella

Votato lo sportivo fiorentino dell'anno;

quanti bei ricordi.Con lui nacque per la prima

volta allo Stadio del baseball nel "pre gara" di

ogni week-end del "batti e Corri" un piccolo

opuscoletto con tutti i numeri, statistiche

formazioni fotografie, interviste di ogni match

di "quella Fiorentina Baseball" che raggiunse

nell'anno di "Baseball & Jazz"  su Radio Firenze i

Quarti di Finale di un Campionato con quella

gara persa al 9° inning a Rimini "alla casa

dei Pirati" con il punto di Nick Bellomo superato

all'ultimo lancio da un Home Run riminese

che ci tolse il respiro.

Poi sempre al suo fianco "soffrimmo"

in Serie C, il riapprodo in Serie B tante partite,

tante storie, tante avventure.

Per un pezzo ci allontanammo  ma sempre

nel novero di stringerci la mano ed abbracciarci

ogni volta che ci rincontravamo.

Fu Lui nel 2009 all'epoca dei Mondiali in Italia

proprio durante il 1° match allo Stadio Cerreti

a dire al grande Everardo Dalla Noce:

" Prendete  Stefano Ballerini con Voi ; potrebbe

esservi utile ; lui sa tutto del Baseball...

parole profetiche. Ebbi la fortuna di

poter raccontare in Diretta "Mondiale" tutte

le gesta del "Monte di lancio italiano"

tra una ripresa e l'altra, come Classificatore

Ufficiale.

E' stata una delle mie più grandi soddisfazioni

mai avute nei miei 29 anni di Giornalismo

Sportivo.

Ci eravamo ritrovati tanti  mesi fa e con lui

parlavamo di come rilanciare le sorti del

Baseball Fiorentino. Mi accompagnò

a San Marcellino facendomi visitare "

le "sue stanze segrete

delle caldaie delle Cupole di cui aveva

appena preso l'appalto

e la gestione. Era un uomo felice, fiero; grazie

a questo nuovo incarico aveva dato fondo

"alle sue casse" per rifare grande la Fiorentina

Baseball in una sorta di "adesso

o mai più" per rincorrere la rincorsa alla Serie

A Federale.

Sposai subito il progetto e dal li nacque la

rincorsa a dar vita al nuovo progetto Firenze

Viola Supersport. La Casa degli Sport Fiorentini

"targata" Radio Blù.

Lui fu uno dei primi a darmi mano. Con lui

vissi giorno giorno la rincorsa a mettere insieme

10 delle più note e storiche Società sportive

gigliate che il 29 Febbraio scorso si ritrovarono

e LUI C'ERA, a firmare al Circolo del Tennis i

documenti del  nuovo Pool.

Lo avevo informato venerdi pomeriggio mentre

rientravo a Firenze che Radio Blù stava per

trasmettere l'intervista con il suo

Vice Presidente Gianfranco Lauria. Mi disse

appunto :" Sono a sciare, ci vediamo sabato

per parlare dei nostri grandi progetti...".

Ma la notizia appresa  rimanemmo  tutti

angosciati, attoniti, tristi, disperati;

personalmente ero ed al suo ricordo sono un

uomo distrutto...

Non ho perso una persona qualsiasi, ho perso

uno dei pochi Presidenti che mi ha voluto bene,

mi ha stimato, che mi ha sempre lasciato la

porta aperta, che mi ha dato entusiasmo;

Pier Cesare era il "Mio Presidente" una persona

a cui da oggi dedicherò tutto il

mio lavoro, i miei sforzi il mio entusiasmo,

per dare il massimo per il mio, il suo, il nostro

grande progetto sportivo.

Adesso sappiamo  che cosa è accaduto,

non ci sono state  ripercussioni; sto cercando

di  fare qualcosa nel suo ricordo...eccomi qui.

Però tutta Firenze ne sono sicuro piange

ancora  questa grande dolorosissima perdita

di uno dei Presidenti di uno

dei pochi Club cittadini che grazie a

Lui ha voluto dire di nuovo Serie A.

Pier Cesare sei, rimarrai per sempre nel

mio cuore, nei miei pensieri.

Stefano Ballerini e tutti i Presidenti, Dirigenti,

collaboratori, atleti,

amici del "Pool Firenze Viola Supersport la

Casa degli Sport Fiorentini -Radio Blù.

Alla famiglia, alla moglie ai figli, alla Famiglia

Fiorentina Baseball vanno sempre i ricordi

più affettuosi .

Abbiamo vinto  il campionato perché

questo era il suo primo desiderio; se tanti bravi

e simpatici ragazzi sono arrivati qui a Firenze

per giocare con la casacca della Fiorentina

Baseball lo dobbiamo al suo sforzo iniziale,

ai suoi programmi, al suo entusiasmo,

al suo carisma, alla sua disponibilità, alla

sua entusiastica voglia di essere il Presidente

della Fiorentina Baseball.

Adesso siamo stati esclusi per 1 gara dai play off

dopo che alla rincorsa di Imola ci SIAMO VISTI

SCIPPARE GARA 2 PROPRIO AD IMOLA , POI per

aver visto e letto la sentenza ( assurda) della gara

data vinta a Castenaso a Bologna dopo averla persa

con insieme come detto al nostro regalo a

Castenaso regalando gara 1 dal nostro 5-1 al loro

11-5, con anche le 2 brutte sconfitte dell'andata in

casa contro Godo.

Caro Cesare sabato sera ad un certo punto a Modena

abbiamo visto un "turbinio di vento"...probabilmente

eri Tu che volevi porre fine al 2° match che stavamo

vincendo agevolmente , come a dirci :" Ragazzi Io

sono qui sempre accanto a Voi".

Abbiamo finito il campionato vincendo 2 gare a

Modena terminando comunque 2° a pari merito col

Castenaso esclusi dai Play Off che avremmo meritato

per 1 gara in meno perdendo lo scontro diretto

con Castenaso per 3- gare ad 1.

Poi ci rubavano gara 3 a Nettuno in Coppa Italia col

FUORICAMPO DI MANDOLINI prima visto e concesso

dall'Arbitro Guazzini poi ritrattato e ritrattato ancora.

Ma Noi siamo ancora qui aspettando che il "vergognoso"

Ufficio sport ti dedichi il nome del "Tuo/Nostro" Stadio

del Baseball.

E Domani 15 Settembre iniziamo a lavorare per il

prossimo anno sempre nel tuto ricordo Perenne.

 

 

Il Sindaco di Firenze Dario Nardella quel giorno

salito a Moena "ci " annunciava: Ad oggi mancano

210 giorni + 90 per apporre il primo mattone del

nuovo Stadio di Firenze" ...!!! ( Pinocchio...one !!)

Da quel  discorso di Dario Nardella a Moena

del 19 Luglio 2014 sono passati 2139   giorni.

E noi continueremo a tenere aggiornata la

"nostra stecca"

Stefano Ballerini e la sua Redazione.

 

E parallelamente apriamo la "contro stecca" del 3°

progetto dei Della Valle . Il 23 Luglio 2016  mi

sono permesso di mettermi " a tu per tu" con il

Presidente Operativo Mario Cognigni, mettendolo

sul "chi va là" dalle tante promesse finora

andate vane di Nardella.

I Della Valle asseriscono sicuri che lo Stadio

si farà li dove Nardella "asserirebbe": alla

Mercafir laddove però secondo noi e secondo

molti egli addetti ai lavori non si farà mai o se

"si farà" non prima di 6-7 anni.

Allora la stecca è partita: 23 Luglio 2016 -25

Agosto 2017 fanno 466  giorni ogni giorno

l'aggiorneremo e vediamo dove andremo a

finire.

Da quell' incredibile 10 marzo in Palazzo

Vecchio 265.... E NOI CONTINUIAMO...!!!