Home

Ultime notizie

Bed And Breakfast

cover.jpg
 
logo_err.jpg
Calcio:in sala Stampa presentato anche Cyril Thereau PDF Stampa E-mail
Scritto da Dalla Redazione   
Lunedì 04 Settembre 2017 14:42

Calcio: Altra Sala Stampa viola di presentazione..l'ultima

"ECCOMI SONO CYRIL THEREAU....POSSO RICOPRIRE PIU' RUOLI"....

Firenze- Oggi presentato in sala Stampa l'ultimo arrivato in maglia viola Cyril Thereau prelevato a titolo definitvo dall'Udinese.

Servizio fotografico di Giacomo Morini

]

PRESENTAZIONE DI CYRIL THEREAU, NUOVO GIOCATORE DELL'A.C.F. FIORENTINA. - NELLA FOTO: CYRIL THEREAU .

LA PRESENTAZIONE DI CYRIL THEREAU, NUOVO GIOCATORE DELL'A.C.F. FIORENTINA. - NELLA FOTO: CYRIL THEREAU CON

GIANCARLO ANTOGNONI

LA PRESENTAZIONE DI CYRIL THEREAU, NUOVO GIOCATORE DELL'A.C.F. FIORENTINA. - NELLA FOTO: CYRIL THEREAU

FIRENZE, ITALIA 04 SETTEMBRE 2017 - CONFERENZA STAMPA PER LA PRESENTAZIONE DI CYRIL THEREAU, NUOVO GIOCATORE DELL'A.C.F. FIORENTINA. - NELLA FOTO: CYRIL THEREAU DURANTE LA SUA PRESENTAZIONE ALLA STAMPA.

Firenze- E' stato presentato stamattina anche l'ultimo arrivato in maglia viola a termine della campagna acquisti estiva: Cyril Thereau prelevato dall'Udinese.

Firenze-Queste le prime parole da nuovo giocatore viola di Cyril Thereau presentatosi questa mattina in Sala  Stampa al Franchi

PERCHE' A FIRENZE ?  “Già in passato si c’erano già state delle chiacchierate in passato con la Fiorentina, ma era stato difficile trattare con Chievo e Udinese per colpa  del mio contratto lungo. Questa estate sono stato vicino alla Sampdoria, ma appena mi ha chiamato il mister ho scelto la Fiorentina. Mi sono sempre piaciuti questi colori, questa città e questa squadra. Ringrazio la società che mi ha dato questa possibilità, non vedo l’ora di ripagare la fiducia che hanno riposto in me.

In Italia ho conosciuto il calcio vero, prima avevo giocato solo in Belgio e in Romania. Il destino è bello, perché alla fine mi ha portato qua. Mi sento fortunato, ma quando le cose si meritano, arrivano.

Quanti gol vorresti fare ? Il numero delle mie reti stagionali sta crescendo piano piano, questo è importante. Spesso vengo considerato come una prima punta, ma io ho sempre giocato seconda punta o trequartista, e in rapporto al ruolo segno abbastanza frequentemente. In questo momento della mia carriera sono al meglio della forma e della conoscenza del calcio. Spero di dare una mano. Scendo in campo per piacere, poi le reti arrivano di conseguenza. Andrò in doppia cifra.

Se potrai essere utile  a Simeone? Ho fatto pochi allenamenti con lui, è stata un delle sorprese della passata stagione. E’ un giocatore con tante qualità fisiche. Ci sono tanti ragazzi di qualità davanti, anche Babacar. Non sono venuto qua per fare il maestro, ma vorrei comunque aiutare i giovani di questa squadra con assist e giocate".

Il tuo vero ? "Una delle mie caratteristiche è che posso giocare in molti ruoli, ma rendo al massimo come seconda punta o trequartista di sinistra. Sarà bello giocare in questa squadra"

Quanto possono incidere i cambiamenti della squadra? Abbiamo vissuto una cosa simile a Udine, quando se ne sono andati Domizzi e Di Natale. Adesso la cosa più importante è creare un gruppo che abbia voglia di stare insieme e fare bene. Giocare nella Fiorentina significa avere delle qualità importanti".

Perchè hai preso il numero 77? "L’ho scelto per mio fratello. Lui ama il 7, ma a Charleroi era occupato, quindi lui mi consigliò il 77. Da quella volta non ho più cambiato. Sono contento di averlo trovato libero a Firenze"

Perchè il tuo ultimo gesto d'esultanza? "E’ riferita sia ai miei amici che al mio fratello. L’abbiamo studiata ai tempi di Luca Toni, cercavamo qualcosa che fosse emulabile dai bambini”.

 

 
Calcio: A "palle ferme" il post di Spagna Italia 3-0 PDF Stampa E-mail
Scritto da Alessandro"Coppins" Coppini   
Lunedì 04 Settembre 2017 09:38

Calcio: Che Sabato disastroso al "Bernabeu"

NAZIONALE ESPORTAZIONE SENZA FILTRO..ALLA FACCIA DEL " SIAMO PRONTI A QUALCOSA DI INCREDIBILE" !!!..MA DOVE..IN QUALE FILM..??!!

Adesso attendiamo il sorteggio dei Play Off sperando in bene..e se per caso non si andasse al Mondiale...???!!! ( non oso..non osiamo pensarci...)

di Alessandro "Coppins" Coppini

Firenze-Abbiamo voluto "ammortizzare la grande delusione azzurra patita al Bernabeu..Adesso a "palle ferme" ecco le nostre considerazioni a posteriori...

Era una delle sigarette più fumate negli anni 50, ora è la nostra rappresentativa di calcio.
Si parla degli azzurri perché la loro partita a Madrid permette di capire meglio le cose viola.
La FIGC esprime come allenatore Giampiero Ventura. Massimo rispetto per l’uomo, ma la sua nomina a Commissario Tecnico è la certificazione della mediocrità della nostra realtà calcistica . Per questa mediocrità, il campionato italiano non attira più i top player, e gli allenatori più importanti scelgono altro. Figuriamoci quando si deve venire alla Fiorentina, da sempre squadra di seconda fascia. Ventura schiera 2 centrocampisti (Verratti e De Rossi) contro il centrocampo più forte al mondo (Iniesta, Busquet Coke e Asensio). Forse sbaglia, ma è più probabile che il calcio italiano non offra niente di meglio. Anche il celebrato Verratti sembra un giocatore modesto. E che dire della difesa? Tra gli appassionati delle cose viola ci si straccia le vesti per non avere un esterno di livello. La massima rappresentativa nazionale schiera un buon Darmian (che però gioca nel Manchester United con ingaggio extra lusso ) e propone come emergente Spinazzola, che almeno durante la partita non sembra superiore al disprezzato Maxi Oliveira. Insomma quando si critica la qualità della Fiorentina, è bene tener presente che il livello medio del nostro campionato è molto modesto. Tanto modesto che un calciatore come Bernardeschi viene pagato 40 milioni, dai campioni in carica per poi fare (entrando a 20’ dal termine) lo spettatore non pagante al Bernabeu...Con la nazionale che resta senza filtro e senza creativi.

Ultimo aggiornamento Lunedì 04 Settembre 2017 14:31
 
Calcio: Pantaleo Corvino e Carlos Freitas commentano la "faraonica campagna acquisti-cessioni viola PDF Stampa E-mail
Scritto da di Paolo Caselli   
Venerdì 01 Settembre 2017 16:35

Calcio: consueto appuntamento in Sala Stampa per commentare il mercato viola

Il commento del Direttore Generale della Fiorentina Pantaleo Corvino a fine mercato.

Con Lui Carlos Freitas; arriverà un nuovo "Scouting" l'ex viola Gianluca Comotto

Cliccate qui per sentire le parole di Pantaleo Corvino

di Paolo Caselli

FIORENTINA, CORVINO: "APERTO NUOVO CICLO"

Firenze- Pantaleo Corvino fa un primo bilancio dopo la rifondazione della Fiorentina: "Abbiamo lavorato in questi tre mesi per aprire un nuovo ciclo e gettare le basi per una squadra che torni ad essere competitiva in Italia e, un domani, anche in Europa".

Arriverà un nuovo Responsabile dello "Scouting" sarà l'ex viola Gianluca Comotto

Circa il 75% dei ricavi delle cessioni sono stati reinvestiti. Il 25% che rimane è servito e servirà al comparto aziendale.

Abbiamo cercato di mantenere una rosa di qualità, tenendo conto di determinati obiettivi: il primo era  quello di prendere un allenatore italiano, votato a ricostruire e riconosciuto da tutti gli addetti ai lavori come professionista di alto livello. Abbiamo pensato anche di italianizzare la rosa il più possibile, tenendo un'età media molto più bassa. Abbiamo tenuto conto dei parametri di un monte ingaggi così da non dover partire ogni anno da meno 38 milioni. Abbiamo lavorato senza sosta. Abbiamo costruito una rosa che nel medio e lungo termine possa dare le basi di una Fiorentina competitiva in Italia e magari anche in Europa.

Dal mese di settembre il comparto sportivo avrà a supporto una persona che aiuterà me e Freitas nello scouting e sarà Gianluca Comotto.

Nuovo ciclo?

Abbiamo capito di dover ripartire da zero, quando ci siamo ritrovati a pensare al futuro. Ad esempio le richieste che arrivavano da parte dei procuratori dei calciatori che portavano proposte di altre squadre.

Vincere qualcosa?

Ero convinto di poterlo fare col gruppo che c’era. Volevamo abbassare il monte ingaggi per tenere il meglio di quello che era il vecchio gruppo. Ci sono stati diversi giocatori che ci hanno chiesto di andare via anche se  nostro desiderio era quello di trattenerli.

Ci sono altri però che non hanno detto basta col nostro progetto come Sportiello, Badelj, Astori, Chiesa, Babacar e la nostra dirigenza ha apprezzato molto questo loro desiderio. Ci siamo sforzati a prendere  difensori come Hugo, Pezzella e Milenkovic. A centrocampo ripartiamo da Badelj e Saponara, a loro abbiamo aggiunto Eysseric, Veretout e Benassi. Sugli esterni abbiamo tenuto Chiesa e preso Gil Dias.

In attacco abbiamo preso un giocatore come Simeone che era cercato da tutti. In certi ruoli migliorare è veramente difficile. I risultati ci diranno a che punto siamo.

Quest’anno lo scouting è stato indirizzato verso certi paesi. Non sono scelte figlie di analisi solamente mie e di Freitas, ma del momento in cui viviamo. Abbiamo guardato al mercato dell’Ovest, soprattutto a Portogallo e Francia. Dall’Est abbiamo preso Hristov, Milenkovic, Graiciar e Vlahovic.

Sui No che avete ricevuto?

La Fiorentina non ha perso certo appeal. Lo ha perso un certo mercato all’interno del quale ci siamo anche noi. Il calcio italiano è appetibile verso quelle squadre che possono attirare il maggior numero di tifosi, squadre che si trovano in un momento particolare e che magari sono al centro di un ciclo e possono fare uno strappo alla regola. Milan e Inter, per fare nomi, hanno avuto entrate da lontano e questo ha permesso loro di fare certi acquisti.

I soldi delle cessioni che non sono stati investiti?

Le società di calcio devono essere gestite come un’azienda. Ci sono comparti che devono essere sostenuti da altri comparti. Il 25% delle entrate delle cessioni vanno alle altre aree aziendali. Abbiamo preso giocatori giovani pensando al medio-lungo termine. Abbiamo speso 15-16 milioni per questi giovani, magari avrei potuto prendere qualcuno per la prima squadra senza pensare in termini di futuro. Noi abbiamo ragionato in un altro modo, ma per la prima squadra, abbiamo preso undici giocatori. Quei 9 milioni di giocatori presi con obbligo di riscatto come Maxi Olivera, Cristoforo e il riscatto di Sanchez vanno calcolati su un solo bilancio, non sbagliamo a metterli due volte.

Il rinnovo di Badelj?

Adesso era il tempo di pensare agli acquisti e alle cessioni, in futuro parleremo anche di altre questioni.

 

La Fiorentina a tutti gli effetti conta su entrate intorno ai 90 milioni di euro. Abbiamo speso 16 milioni di investimenti e 50 milioni per il presente, mentre ci sono società che investono queste cifre per un solo investimento. L’altro 25% deve sostenere l’azienda per non dover fare altri debiti che poi andrebbero a ricadere in futuro anche nel comparto sportivo. Azzerando tutto siamo partiti programmando così.

Nel calcio, poi, ci sono delle storture. Ad esempio la regola dei soli due extracomunitari ci impedisce di andare in tutto il mondo a cercare talento. Un’altra stortura è quella di tenere a galla il calciomercato a campionato iniziato. Questo è un problema che riguarda non solo gli allenatori, ma anche i direttore sportivi. Tutto si fa all’ultimo, ma non certo per colpa della Fiorentina. Noi quest’anno abbiamo annunciato un nuovo ciclo e abbiamo avuto difficoltà. Ma anche a pieno ciclo si deve aspettare la fine del mercato per chiudere tutte le operazioni. Per non rischiare di non acquistare alcuni giocatori abbiamo dovuto accelerare e magari non abbiamo colto altre occasioni, ma non potevamo trovarci senza giocatori. Noi siamo partiti per un nuovo ciclo e siamo stati condizionati anche da alcune cessioni. Abbiamo comprato Simeone senza vendere Kalinic perché non potevo aspettare. Ma non può essere così per tutte le situazioni.

Obiettivi?

Abbiamo cercato di italianizzare la rosa, abbassare l'età media cercando di rimanere competitivi.

La proprietà ha a cuore la Fiorentina come ogni tifoso. So che ci sono molti che gettano veleno su di noi senza motivo. Ma mi rivolgo ai tantissimi tifosi che amano la squadra, e dico che noi ci sforziamo di fare il meglio. A volte però ci sono situazioni in cui qualcuno dice basta. Apprezziamo chi ci mette la faccia, non apprezziamo chi usa altre forme. Quei giocatori che decidono di andarsene operano le loro scelte e non possiamo non tenerne di conto.

Questo è  il decimo anno che sono alla Fiorentina e la mia proprietà, Diego Della Valle, in prima persona, mi è stata vicina come mai. Questo a dimostrazione di quanto abbiano a cuore le sorti della Fiorentina. A volte però per fare questo serve programmare. Abbiamo finito un ciclo. Con molto coraggio siamo ripartiti da chi si sentiva addosso la maglia. Abbiamo apprezzato chi ci ha detto di sì come qualcuno di coloro che ci hanno detto di no. La proprietà ha a cuore le sorti della squadra e lo dimostra investendo 16 milioni di euro per il futuro, non per qualche sconosciuto.

Si poteva prendere un grande nome, ma noi stiamo cercando di programmare nonostante le critiche che riceviamo.

Il progetto di Diego Della Valle?

L’obiettivo è quello di ripartire con un nuovo ciclo. Sono andati via dei nazionali, ma a sostituirli ci sono Sportiello, Hugo, Pezzella, Milenkovic, abbiamo tenuto Badelj e Saponara, preso il capitano dell’Under 21 Benassi, più Veretuot ed Eysseric, abbiamo preso Gil Dias che è un nazionale Under 21. Abbiamo preso un giocatore come Thereau che ha segnato spesso negli ultimi anni. Non si investono 16 milioni di euro su illustri sconosciuti se non si ha voglia di crescere. Poi abbiamo investito per Benassi che è molto giovane, per Simeone che era cercato da mezza Italia. Non vi chiedo di essere comprensivi, ma abbiamo lavorato secondo l’input della società che ha a cuore la Viola. Anche io mi sento tifoso e amo la Fiorentina. Voglio fare il meglio, come la mia proprietà. Abbiamo fatto errori in passato, ma ci sono stati anche dei benefici. Ripartiamo tutti insieme, ne abbiamo bisogno.

Il suo contratto?

Non è importante. Faccio questo lavoro da 42 anni, mi sento alla fine di un viaggio ma ho ancora tanta voglia. Questo viaggio finirà non perché ho un contratto. Mi hanno detto che andrò in pensione quando Diego Della Valle andrà via, ma la mia vita nel calcio non dipende certamente da un contratto. Se non si è arrivati in Europa per tre punti forse la colpa non è stata solo di Corvino.

Il caso Gazzoni Frascara?

Non è una cosa in cui sono coinvolto.

I no che non ci sono piaciuti?

Quando finisce un ciclo ne va iniziato un altro. Quando qualcuno di questi ha detto basta c’è chi lo ha fatto in maniera indiretta. Spero che tante regole del mercato, che sono figlie di certe storture, possano essere cambiate nel giro di poco tempo.

 
Calcio mercato estivo: "Big-Ben" alle 23:Fiorentina: 26 acquisti e ben 36 cessioni PDF Stampa E-mail
Scritto da Stefano Ballerini   
Venerdì 01 Settembre 2017 07:23

Calcio: "Big-Ben" per il  mercato estivo: chiuso un ciclo..è tutta un altra Fiorentina..

26 ACQUISTI, 36 CESSIONI; MA SI RIPARTE DAGLI 0 PUNTI: A VERONA PER VINCERE..SE NO...

L'ultima mancata cessione è di Mati Fernandez; l'ultima cessione è quella di Perez che va al Livorno

VI RICORDATE ANDREA DELLA VALLE..??:" BLINDATO KALINIC A 50 MILIONI, ADESSO LI BLINDIAMO TUTTI ...!!!"  CHE SERIE DI BUGIE VERGOGNOSE....!!!

Firenze-Si è chiusa una fase di Calcio-Mercato estivo lunghissima, deleteria inspiegabile, contro-producente uggiosa tediosa, insopportabile ..inammissibile...chi più ne ha più ne  metta..

A Firenze si è chiusa con "questa voce che gira..ronza.." di una possibile cessione della Fiorentina che sarebbe già stata impostata e che verteva sulla dismissione "del più possibile degli ingaggi più alti" e che potrebbe essere comunicata "cammin facendo" dai Della Valle  urtati sempre più dall'ennesimo affronto subito "il 2° ufficiale" dopo il Four Season"del progetto dello Stadio alla "Mercafir" che non verrà mai fatto.

E dunque  via libera alla dismissione di un ciclo intero  di Fiorentina ."Cosa fatta iacta est"...Pantaeo Corvino ( nella foto mentre firma il contratto con Giovanni Simeone) si è guadagnato la riconferma fino al 2020 portando a termine un INTERA DISMISSIONE DI UN CICLO VIOLA !!  26 acquisti, ben 36 cessioni , un autentico diluvio record di dismissioni. Un lavoro colossale va detto, che ha portato alla fine un guadagno di circa 40 milioni facendo rientrare i Della Valle dei "loro-suoi 35 milioni". Dai 40 milioni per Bernardeschi  con pagamento in 3 rate ( ???) ai 5+20 della "svendita" di Kalinic al Milan ricordano il "Dik-tat" di Andrea Della Valle " Blindato Kalinic se lo vogliono sono 50 milioni"...svenduto per le metà con pagamento in 2 anni...!! Chi ci capisce è bravo...!!!  ai ...300.000 euro per il prestito del "povero..bistrattato" Tomovic al Chievo. Non si è riusciti a cedere Mati Fernandez che finirà l'anno in viola per poi andar via a parametro 0, non si è voluto cedere Babacar al Brighton nonostante un offerta fino a 20 milioni;

14 le cessioni dal settore giovanile ( non si sa l'ammontare delle cessioni o prestiti) l'ultima dell'americanino Perez al Livorno. Tanti dubbi del perchè nò all'arrivo di Scalera lasciato al Bari, del perchè del rinnovo del prestito di Venuti al Benevento, ricordando l'altrettanto grande dubbio sulla cessione di Piccini..avevamo i 2 terzini più forti in previsione, entrambi italiani...no ci abbiamo rinunciato ?? Questa il Direttore me la dovrà spiegare.  Un incasso che dovrebbe aggirarsi sui 115 milioni  a fronte di un uscita sui 70-73. Eliminati tutti "i monti ingaggi più onerosi tranne quello di Babacar per il quale si è rifiutata un offerta in extremiss arrivata in 2 "tranches" dal Brighton prima da 13 milioni poi da 16 milioni di sterline + bonus; come a dire no ad altri 20 milioni in entrata.

Il popolo viola prplesso, deluso, triste, affranto in piena contestazione verso la Società e non la squadra ha risposto con 14.000 tessere staccata rispetto alle 21.000 della passata stagione.

La Fiorentina prova a resistere riaprendo la campagna abbonamenti fino alla gara interna col Bologna del 4° turno, sperando che alla ripresa dopo la sosta per la Nazionale a Verona si possa sbloccare lo 0 in classifica.

 

VEDIAMO LA SCHEDA RIEPILOGO

ACQUISTI:

Olivera riscatto prestito 4 * Penarol
Cristoforo riscatto prestito 3,5 * Siviglia
Sanchez riscatto prestito 2,75 Aston Villa
Castrovilli riscatto prestito 1,4 Bari
Vitor Hugo definitivo 8 Palmeiras
Gaspar definitivo 3,5 dal Vitoria SC
Milenkovic definitivo 5,1 dal Partizan Belgrado
Vlahovic definitivo (da gennaio 2018) 1,5 Partizan Belgrado
Rebic fine prestito dall'  Eintracht Francoforte
Mati Fernandez fine prestito dal Milan
Baez fine prestito
Schetino fine prestito 0
Graiciar definitivo 1 dallo Slovan Liberec
Hristov definitivo 1 Slavia Sofia
Zekhnini definitivo 1,5 dall' Odd Ballklubb
Veretout definitivo 7 dall' Aston Villa
Brancolini definitivo 0,5 dal Modena
Eysseric definitivo 4 dal Nizza
Benassi definitivo 10  dal Torino
Dias prestito dal Monaco
Biraghi prestito con riscatto 2 dal Pescara
Pezzella prestito oneroso 0,5 dal Betis Siviglia
Simeone definitivo 15+3  dal Genoa
Laurini prestito con riscatto 2 dall' Empoli
Thereau definitivo 2 Udinese
Lo Faso prestito 0,3 Palermo
TOTALE escluso riscatti obbligatori 72,05

CESSIONI

Ferigra al Torino nell'affare Benassi

Berardi al Sud Tirol

Toledo ( Las Palmas)

Rodriguez fine contratto 0 —
Salcedo fine prestito
De Maio fine prestito con l'Anderlecht
Tello fine prestito col Barcellona
Scalera fine prestito col Bari
Diks prestito secco 0 Feyenoord
Ilicic definitivo 5,5 Atalanta
Zaniolo premio valorizzazione Entella 0,4 Inter
Mlakar prestito dir. risc. e controrisc. c0l Venezia
Venuti prolungamento prestito 0 Benevento
Zanon prestito dir. risc. e controrisc. c0n la  Ternana
Castrovilli prestito secco c0n la  Cremonese
Borja Valero definitivo 7 Inter
Lezzerini definitivo * 0 Avellino
Trovato prestito secco c0l Cosenza
Bernardeschi definitivo 40 Juventus
Milic definitivo 1,5 Olympiacos
Bangu prestito secco c0l Vicenza
Minelli prestito secco c0l Trapani
Bagadur definitivo  a Brescia
Baroni prestito secco c0n la  Lucchese
Tatarusanu definitivo 3 Nantes
Salifu prestito secco c0l Vicenza
Vecino definitivo 24 Inter
Satalino definitivo  al Sassuolo ( non si sa la cifra)
Kalinic prestito con riscatto obbligato 25 Milan
Baez prestito al Pescara
Schetino prestito all' Esbjerg( non si sa la cifra)
Gigli definitivo  c0n Ternana( non si sa la cifra)
Rebic prestito con riscatto obbligato 4 Eintracht F.
Petriccione definitivo  al Bari con percentuale ai viola su successiva vendita
Tomovic prestito 0,3 Chievo Verona
Perez prestito al  Livorno

TOTALE 110,7 milioni

Ultimo aggiornamento Venerdì 01 Settembre 2017 16:44
 
Calcio mercato viola in chiusura: niente Giaccherini; arriva Lo Faso; via Tomovic,Rebic, Petriccione PDF Stampa E-mail
Scritto da Stefano Ballerini   
Giovedì 31 Agosto 2017 17:58

Calcio mercato agli sgoccioli...alle 23 il "Big-Ben" di chiusura..c'è  una "vociona" da Brighton...

LA FIORENTINA SCATENATA: SVANITO GIACCHERINI, PANTALEO CORVINO CI RI-SPIAZZA TUTTI E PRENDE IL GIOVANE LO FASO DAL PALERMO; ED IL GIOVANE CASINI DALL'AREZZO;  POI LE CESSIONI:

TOMOVIC "SVENDUTO" AL CHIEVO, PETRICCIONE AL BARI, REBIC E' UFFICIALE TORNA ALL' EINTRACHT FRANCOFORTE. Alle 19.15 IL BRIGHTON ALZA L'OFFERTA SU BABACAR DA 13 A 16 MILIONI DI STERLINE PIU' BONUS....

Si tenta di cedere Mati Fernandez  che potrebbe rimanere per rinforzare il centrocampo viola

Firenze- Che 31 Agosto......!!! All'Hotel Melià e negli stretti dintorni, la Fiorentina si è nuovamente scatenata..Pantaleo Corvino ( Bravo Direttore) ci rispiazza tutti ( meno il prode Marco Innocenti) . Perduto Giaccherini a cui il Napoli non ha saputo trovare un eventuale sostituto, Pantaleo è andato sulla "stellina" del Palermo Simone Lo Faso che sta facendo le visite mediche.

Corvino chiusi gli acquisti si scatena nelle cessioni: Il "vituperato" Nenad Tomovic è svenduto pur di liberarlo, a 300.000 euro al Chievo Verona dove ritroverà gli ex viola Gamberini, Gobbi, Dainelli.

Ante Rebic ( qui eravamo sulla notizia) torna al l'Eintracht Francoforte; Jacopo Petriccione passa al Bari ( anche qui eravamo piazzato bene..) con la Fiorentina che si mantiene un "certo % sull'eventuale futura cessione). Poi un affare al "giovanile" il giovane promettente Casini dall'Arezzo.

Ma l'ultima voce da seguire con attenzione rimbalza alle 19.15 dall'Inghilterra; riguarda Kouma Babacar ; il neo promosso Britghon dopo una prima offerta "rimbalzata" di 13 milioni, la ripropone alzando "l'asticella" ad una quota "golosa" di 16 milioni di sterline più bonus, un possibile affare da 20 milioni che potrebbe al fine far traballare sia Corvino che la Fiorentina che lo stesso Babacar.  Vediamo se nelle restanti ( al momento sono le 19.45) l'affare si possa portare a termine...

Ultimo aggiornamento Giovedì 31 Agosto 2017 18:05
 
Calcio mercato verso il "Big-Ben" finale: per la Viola svanisce Strinic: va alla Sampdoria PDF Stampa E-mail
Scritto da Stefano Ballerini   
Giovedì 31 Agosto 2017 05:24

Calcio mercato in chiusura: stasera il "Big-Ben"

PER GLI ULTIMI SOGNI DIFENSIVI VIOLA SVANICE IVAN STRINIC....DOPPIO COLPO FERRERO....

Strinic va alla Sampdoria con Duvan Zapata per  22 milioni circa .

di Stefano Ballerini

Milano- Niente Ivan Strinic; Pantaleo Corvino aveva in mente di prenderlo magari assieme a Giaccherini nonostante il colpo a sorpresa di ieri con l'acquisizione di Thereau. Ma il difensore croato va alla Sampdoria in accoppiata con Duvan Zapata. Corvino forse si accontenterà..qualcuno dice che però nonostante abbia preso Thereau vorrebbe far "coppiola" prendendo anche in extremiss Giaccherini...

Oggi i tentativi finali di cedere Tomovic, Petriccione e forse anche Maxi Olivera e Vitor Hugo...

Ultimo aggiornamento Giovedì 31 Agosto 2017 05:25
 
«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»

Pagina 9 di 1536
Copyright © 2017 FirenzeViolaSuperSport. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
 

Facebook

Segui FirenzeViolaSupersport
su Facebook.

Editoriale

di Stefano Ballerini

D'ORA IN POI TUTTO IN MEMORIA DI NICCOLO'

D'ora in poi tutto il nostro lavoro sarà legato

anche al ricordo di Niccolò Ciatti ( RIP)

----------------------------------------------------------

LA MEGA BUGIA DI NARDELLA: 2094 giorni !!

Il perenne ricordo di Pier Cesare Vita e le

3 stecche dello Stadio "secondo" Nardella

( oggi Giovedi    5 Ottobre  2017

sono 2094 )  e secondo Mario Cognigni

LA NUOVA "CONTRO STECCA" DELLO

STADIO "FANTASMA" DEI DELLA VALLE:

Dopo l'amichevole "contraddittorio con Mario

Cognigni a Moena "volendo" seguire il "

ragionamento viola iniziammo a tenere la

"contro-stecca dello Stadio:

il 23 Luglio  2016 iniziava il nostro nuovo conteggio:

Sono passati 439  giorni.... Proseguiremo.

LA 3° STECCA DEL "FANTOMATICO STADIO

DEI DELLA VALLE ...E DI NARDELLA

Adesso  iniziamo a tenere la 3° Stecca del Nuovo

Stadio "sempre più fantasma " dei Della Valle.

DA VENERDI 10 CON LA NUOVA PROMESSA FATTA

DA NARDELLA: 2019 1° Pietra del nuovo Stadio

Conteggio : da Venerdi 10 Marzo

ad Oggi Giovedi 14 Settembre   sono 209  giorni.

Siamo ansiosi di vedere dove andremo a finire.

Intanto stiamo lavorando sul fronte BANCA UNIPOL

attendendo un documento dall'ufficio che sta

gestendo l'annosa questione dei terreni della

Mercafir.

In più a breve avremo un incontro con

l'"Entourage" della Presidenza degli Aeroporti

Toscana  Medicei Firenze e Pisa per dare il la alla

programmazione del progetto costruzione della

nuova Pista "parallela "all'autostrada di circa

3000 metri da Castello al Polo di Sesto Fiorentino.

Su quella "linea..cono" di ingresso o di decollo

secondo la "Deregulation" dell'Aviazione Civile non

ci possono essere impianti sportivi ne tantomeno

Stadi.

Se "tanto mi da tanto" credo che a documento

ricevuto se  sarà quello che dico Io sarò costretto

ad alzarmi ed a dare lettura pubblica di tutt'altra

verità. In Palazzo Vecchio .........

NON ME L'HANNO LASCIATA CHIEDERE ...

AVEVANO UNA PAURA MATTA TUTTI QUANTI

------------------------------------------------------------

IL RICORDO DI CESARE VITA

Giorno dopo giorno ricordiamo sempre Cesare

PIER PAOLO "CESARE" VITA PRESIDENTE

DELLA FIORENTINA BASEBALL, CI GUARDA

E CI GUIDA DALL'ALTO.

La "sua/nostra" Fiorentina Baseball è arrivata

a vele spiegate in A Federale come desideravi TE

"Cesare"  ci manchi sempre tantissimo

Vive in tutti Noi ancora il suo ricordo
il "Pool Firenze Viola Supersport-La Casa

degli Sport Fiorentini /Radio Blù

ricorda sempre….il “nostro” Presidente

PIER CESARE VITA PRESIDENTE DELLA

FIORENTINA BASEBALL DA LASSU’ CI STA

INDICANDO SEMPRE LA STRADA MAESTRA

DA PERCORRERE SIA CON LA “SUA -NOSTRA”

FIORENTINA BASEBALL CHE COME TE

DESIDERAVI E' STATA PROMOSSA IN A/

FEDERALE ED E' AL 2°TURNO DI COPPA ITALIA

DOPO AVER ASSISTITO ALLO "SCIPPO" DELLA

GARA 2 A IMOLA CHE INSIEME AL "FATTACCIO"

DELLA PARTITA DATA VINTA A CASTENASO A

BOLOGNA, CI E' COSTATA LA ELIMINAZIONE DAI

PLAY OFF , VA DETTO ANCHE PER "COLPA NOSTRA"

AVENDO BUTTATO "ALLE ORTICHE" GARA 1 CON

CASTENASO PERDENDOLA DAL NOSTRO 5-1 al ...

LORO 11-5 ( OLTRE CHE ALLE 2 SCONFITTE

BRUTTE INTERNE CON GODO ) CHE DELLA NOSTRA

CASA DEGLI SPORT

FIORENTINI


Firenze- Se Firenze Viola Supersport prosegue a

portare fortuna alle nostre 10/12 Società,

nell’innovativo importantissimo progetto di aver

creato la Casa degli Sport Fiorentini, lo deve

all' incontro che ebbi con Lui in un pomeriggio

di 5 mesi fa nelle “sue nuove stanze ”: l’impianto

di riscaldamento di San Marcellino.

Mi disse:" Stefano, vieni a vedere la mia nuova

casa... e mi portò nel "cuore pulsante"dell'Impian-

to di San Marcellino che aveva avuto in gestione.

Qualche giorno più tardi, avviato quel progetto,

dopola presentazione ufficiale avvenuta il 29

Febbraio 2016 al Circolo del Tennis con Lui

ancora tra tutti Noi, la piùt ragica delle notizie

mi arrivava alle 21.30: un messaggio dalla

Presidenza della Florentia Nuoto Club mi

avvertiva della tragica scomparsa di uno "dei

Miei Presidenti più amati della mia storia

giornalistica: Pier Cesare Vita Presidente della

Fiorentina Baseball.

Disperato ed incredulo telefonavo a Marco

Duimovichche dall'altra parte dell'"etere" mi

confermava tutto...purtroppo..vero !!

Lo avevo sentito due giorni prima, avevamo un

appuntamento il sabato successivo al rientro

dallamontagna..quella montagna maledetta che

se lo è portato via per sempre per parlare

dell' organizzazione di un prestigioso Torneo di

Baseball a Firenze nel novero delle prossime

iniziative della "Casa degli Sport Fiorentini"

il nuovo progetto sportivo-radiofonico partito

su Radio Blù a cura della Redazione di Firenze

Viola Supersport.

Mi aveva informato di essere a sciare

( gli avevo detto...beato te ...)

ci vediamo a Firenze sabato mattina in sede

e poi saremmo andati insieme a Lastra a Signa

a vedere la prima uscita della "sua"

Fiorentina Baseball nuova di zecca pronta a

vincere il campionato di Serie B grazie alla sua

"faraonica campagna acquisti " con Firenze

Viola Supersport a "griffare" le divise del team di

Manager Marco Duimovich. INVECE PURTROPPO…

NIENTE DI NIENTE DI TUTTO CIO’.


Pier Cesare non era solamente oltre che valente

architetto oltre che Presidente della Fiorentina

Baseball; era un AMICO con la A maiuscola;

Con lui, al suo fianco ho avuto il piacere di

passare tantissimi anni sia come Addetto Stampa

che Speaker dello Stadio del Baseball.

La mia storia di Giornalista sportivo nacque

appunto come "erede" del grande Vittorio Betti

come voce del 1° Stadio del Baseball ancora

in "tubi Innocenti al tempo del mitico trio:

Valente Prisco Croce  con quell'interminabile

partita Fiorentina Mobilcasa-Europhon Milano

3-2 iniziata alle 20.30 e finita alle 3 di mattino

con una "mitica quadrupla rubata

col punto a casa di Valente. Di seguito seguii

la Fiorentina Baseball per tanti anni sulla

Gazzetta di Firenze e con il suo

avvento al timone della Società biancorossa

intraprendemmo il 1° progetto Fiorentina

Baseball sul Corriere di Firenze seguendo

la squadra per un campionato intero all'ultimo

anno di A2.

Paginate di Baseball, Softball, Andrea Osella

Votato lo sportivo fiorentino dell'anno;

quanti bei ricordi.Con lui nacque per la prima

volta allo Stadio del baseball nel "pre gara" di

ogni week-end del "batti e Corri" un piccolo

opuscoletto con tutti i numeri, statistiche

formazioni fotografie, interviste di ogni match

di "quella Fiorentina Baseball" che raggiunse

nell'anno di "Baseball & Jazz"  su Radio Firenze i

Quarti di Finale di un Campionato con quella

gara persa al 9° inning a Rimini "alla casa

dei Pirati" con il punto di Nick Bellomo superato

all'ultimo lancio da un Home Run riminese

che ci tolse il respiro.

Poi sempre al suo fianco "soffrimmo"

in Serie C, il riapprodo in Serie B tante partite,

tante storie, tante avventure.

Per un pezzo ci allontanammo  ma sempre

nel novero di stringerci la mano ed abbracciarci

ogni volta che ci rincontravamo.

Fu Lui nel 2009 all'epoca dei Mondiali in Italia

proprio durante il 1° match allo Stadio Cerreti

a dire al grande Everardo Dalla Noce:

" Prendete  Stefano Ballerini con Voi ; potrebbe

esservi utile ; lui sa tutto del Baseball...

parole profetiche. Ebbi la fortuna di

poter raccontare in Diretta "Mondiale" tutte

le gesta del "Monte di lancio italiano"

tra una ripresa e l'altra, come Classificatore

Ufficiale.

E' stata una delle mie più grandi soddisfazioni

mai avute nei miei 29 anni di Giornalismo

Sportivo.

Ci eravamo ritrovati tanti  mesi fa e con lui

parlavamo di come rilanciare le sorti del

Baseball Fiorentino. Mi accompagnò

a San Marcellino facendomi visitare "

le "sue stanze segrete

delle caldaie delle Cupole di cui aveva

appena preso l'appalto

e la gestione. Era un uomo felice, fiero; grazie

a questo nuovo incarico aveva dato fondo

"alle sue casse" per rifare grande la Fiorentina

Baseball in una sorta di "adesso

o mai più" per rincorrere la rincorsa alla Serie

A Federale.

Sposai subito il progetto e dal li nacque la

rincorsa a dar vita al nuovo progetto Firenze

Viola Supersport. La Casa degli Sport Fiorentini

"targata" Radio Blù.

Lui fu uno dei primi a darmi mano. Con lui

vissi giorno giorno la rincorsa a mettere insieme

10 delle più note e storiche Società sportive

gigliate che il 29 Febbraio scorso si ritrovarono

e LUI C'ERA, a firmare al Circolo del Tennis i

documenti del  nuovo Pool.

Lo avevo informato venerdi pomeriggio mentre

rientravo a Firenze che Radio Blù stava per

trasmettere l'intervista con il suo

Vice Presidente Gianfranco Lauria. Mi disse

appunto :" Sono a sciare, ci vediamo sabato

per parlare dei nostri grandi progetti...".

Ma la notizia appresa  rimanemmo  tutti

angosciati, attoniti, tristi, disperati;

personalmente ero ed al suo ricordo sono un

uomo distrutto...

Non ho perso una persona qualsiasi, ho perso

uno dei pochi Presidenti che mi ha voluto bene,

mi ha stimato, che mi ha sempre lasciato la

porta aperta, che mi ha dato entusiasmo;

Pier Cesare era il "Mio Presidente" una persona

a cui da oggi dedicherò tutto il

mio lavoro, i miei sforzi il mio entusiasmo,

per dare il massimo per il mio, il suo, il nostro

grande progetto sportivo.

Adesso sappiamo  che cosa è accaduto,

non ci sono state  ripercussioni; sto cercando

di  fare qualcosa nel suo ricordo...eccomi qui.

Però tutta Firenze ne sono sicuro piange

ancora  questa grande dolorosissima perdita

di uno dei Presidenti di uno

dei pochi Club cittadini che grazie a

Lui ha voluto dire di nuovo Serie A.

Pier Cesare sei, rimarrai per sempre nel

mio cuore, nei miei pensieri.

Stefano Ballerini e tutti i Presidenti, Dirigenti,

collaboratori, atleti,

amici del "Pool Firenze Viola Supersport la

Casa degli Sport Fiorentini -Radio Blù.

Alla famiglia, alla moglie ai figli, alla Famiglia

Fiorentina Baseball vanno sempre i ricordi

più affettuosi .

Abbiamo vinto  il campionato perché

questo era il suo primo desiderio; se tanti bravi

e simpatici ragazzi sono arrivati qui a Firenze

per giocare con la casacca della Fiorentina

Baseball lo dobbiamo al suo sforzo iniziale,

ai suoi programmi, al suo entusiasmo,

al suo carisma, alla sua disponibilità, alla

sua entusiastica voglia di essere il Presidente

della Fiorentina Baseball.

Adesso siamo stati esclusi per 1 gara dai play off

dopo che alla rincorsa di Imola ci SIAMO VISTI

SCIPPARE GARA 2 PROPRIO AD IMOLA , POI per

aver visto e letto la sentenza ( assurda) della gara

data vinta a Castenaso a Bologna dopo averla persa

con insieme come detto al nostro regalo a

Castenaso regalando gara 1 dal nostro 5-1 al loro

11-5, con anche le 2 brutte sconfitte dell'andata in

casa contro Godo.

Caro Cesare sabato sera ad un certo punto a Modena

abbiamo visto un "turbinio di vento"...probabilmente

eri Tu che volevi porre fine al 2° match che stavamo

vincendo agevolmente , come a dirci :" Ragazzi Io

sono qui sempre accanto a Voi".

Abbiamo finito il campionato vincendo 2 gare a

Modena terminando comunque 2° a pari merito col

Castenaso esclusi dai Play Off che avremmo meritato

per 1 gara in meno perdendo lo scontro diretto

con Castenaso per 3- gare ad 1.

Poi ci rubavano gara 3 a Nettuno in Coppa Italia col

FUORICAMPO DI MANDOLINI prima visto e concesso

dall'Arbitro Guazzini poi ritrattato e ritrattato ancora.

Ma Noi siamo ancora qui aspettando che il "vergognoso"

Ufficio sport ti dedichi il nome del "Tuo/Nostro" Stadio

del Baseball.

E Domani 15 Settembre iniziamo a lavorare per il

prossimo anno sempre nel tuto ricordo Perenne.

 

* "LA STECCA DELLO STADIO":

IL NUOVO STADIO: 2029 giorni di ritardo...

giorni di bugie di Dario Nardella

Finito il 6° ° ritiro viola a Moena:

3 anni con Vincenzo Montella,  2 con

Paulo Sousa , il 1° con Stefano Pioli.  Il 19 Luglio

2016 è stato il 2° anniversario delle "Bugie" di

Dario Nardella da quel 19 Luglio 2014 in cui Dario

Nardella salito a Moena pronunciava che  da li

sarebbero mancati 210 giorni di carteggi e 90

di aggiornamenti legali per arrivare ai 300 giorni

dove sarebbe stata posta la 1° pietra del nuovo

Stadio viola dei Della Valle alla Mercafir.

Ad oggi 14 Settembre   Agosto   2017  dunque

siamo a 2053  ( da  Palazzo Vecchio sono 203 )

giorni di continue bugie da parte dell'attuale

Sindaco che ha bocciato e ribocciato tutte le

richieste fatte dai Della Valle, un 2° progetto

dello Stadio dopo quello del "Four Season".

Il 23 Luglio 2016 conferenza stampa di Andrea

Della Valle erano 733; Oggi Lunedi  14 Settembre

2017 siamo arrivati a 2053  "Very Compliments...

Sig. Nardella !!"

Il Sindaco di Firenze Dario Nardella quel giorno

salito a Moena "ci " annunciava: Ad oggi mancano

210 giorni + 90 per apporre il primo mattone del

nuovo Stadio di Firenze" ...!!! ( Pinocchio...one !!)

Da quel  discorso di Dario Nardella a Moena

del 19 Luglio 2014 sono passati 2033   giorni.

E noi continueremo a tenere aggiornata la

"nostra stecca"

Stefano Ballerini e la sua Redazione.

 

E parallelamente apriamo la "contro stecca" del 3°

progetto dei Della Valle . Il 23 Luglio 2016  mi

sono permesso di mettermi " a tu per tu" con il

Presidente Operativo Mario Cognigni, mettendolo

sul "chi va là" dalle tante promesse finora

andate vane di Nardella.

I Della Valle asseriscono sicuri che lo Stadio

si farà li dove Nardella "asserirebbe": alla

Mercafir laddove però secondo noi e secondo

molti egli addetti ai lavori non si farà mai o se

"si farà" non prima di 6-7 anni.

Allora la stecca è partita: 23 Luglio 2016 -25

Agosto 2017 fanno 396  giorni ogni giorno

l'aggiorneremo e vediamo dove andremo a finire.